Regionali Campania, De Luca vince sfiorando il 70%

Male il centrodestra guidato da Stefano Caldoro, principale sfidante del governatore uscente, solo al 18,06%. Il Movimento si conferma il terzo partito in Campania, con il 9,94%
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – Ci si aspettava una larga vittoria di Vincenzo De Luca in Campania e le attese sono state ampiamente rispettate. Il governatore uscente stravince la tornata elettorale ottenenndo – quando mancano all’appello 2 sezioni su 5.827 (ad Arienzo e a San Prisco, in provincia di Caserta) – il 69,49% dei voti, conquistando tutte le province con un consenso che in alcuni casi supera il 70% delle preferenze. L’ampia coalizione di centrosinistra raggiunge il 68,59% dei voti nella provincia di Napoli, il 73,16 a Salerno, il 66,09 a Caserta, il 64,64 a Benevento e addirittura il 75,3% ad Avellino. Male il centrodestra guidato da Stefano Caldoro, principale sfidante del governatore uscente, solo al 18,06% e che in nessuna delle 5 province campane riesce ad arrivare alla soglia psicologica del 25% dei voti. La coalizione a sostegno di Caldoro registra il suo risultato migliore nel beneventano col 24,01% delle preferenze, seguito da Caserta, storica roccaforte del centrodestra, dove pero’ i voti non vanno oltre il 22,45%; a Salerno conquista il 18,71%, a Napoli il 16,2 e, infine, ad Avellino il 15,76. E non ha pagato nemmeno il largo sostegno degli ultimi giorni dei vertici del Movimento 5 Stelle a favore di Valeria Ciarambino, candidata pentastellata alla presidenza della Regione. Come nel 2015, il Movimento si conferma il terzo partito in Campania, con il 9,94% degli elettori che hanno optato per la proposta grillina. I 5 stelle superano la doppia cifra percentuale soltanto a Napoli con il 12,2%, seguono poi Caserta al 9,58, Benevento col 9,23, Avellino al 6,63% e infine Salerno al 6,13. Registrano risultati oltre l’1%, le liste Potere al Popolo, del candidato Giuliano Granato (1,20%), e Terra con Luca Saltalamacchia presidente all’1,06%. 

PD PRIMO PARTITO IN TUTTE LE PROVINCE DELLA CAMPANIA

Nella Campania della seconda vittoria consecutiva di Vincenzo De Luca nella sfida per le regionali, sono chiaramente le liste del centrosinistra a incassare il maggior numero di voti, in Regione e nelle singole province. Marcato risultato del Partito democratico: il 16,9% degli aventi diritto vota Pd, primo partito in Regione, ma anche nei 5 capoluoghi campani. Seconda per numero di preferenze e’ la lista del governatore, ‘De Luca presidente’, con il 13,28%; terzo il Movimento 5 Stelle (9,93%). Per il centrodestra il primo partito e’ Fratelli d’Italia al 5,98%, a contatto con Lega (5,63%) e Forza Italia (5,17%). Lo schema regionale si ripropone senza troppe variazioni anche nel capoluogo: a Napoli il Pd guadagna il 16,80% dei voti, la lista ‘De Luca presidente’ il 15,35, il Movimento 5 stelle 12,20, Fratelli d’Italia il 5,26, con la Lega al 4,10%. Numeri in linea con quelli di Salerno, dove il Pd e’ al 16,61%, la lista di De Luca ha il 10,10% delle preferenze, seguita da Campania Libera all’8,8. Per il centro destra Fratelli d’Italia e’ al 6,86, la Lega al 6,46, mentre il Movimento 5 Stelle non va oltre il 6,13% dei voti. A Caserta – quando mancano all’appello 2 sezioni su 5.827 (ad Arienzo e a San Prisco, in provincia di Caserta) – Partito democratico (17,22%), De Luca presidente (14,89) e Movimento 5 Stelle (9,58) controllano l’avanzata della Lega al 9,30%, che comunque e’ il primo partito della colazione davanti a Fratelli d’Italia (7,23%) e Forza Italia (5,41). Ad Avellino spicca il risultato di Italia Viva al 12,17%. Il partito di Matteo Renzi e’ il secondo per preferenze in provincia (forte anche dell’accordo con Ciriaco De Mita) e il quarto in Regione Campania. Primo partito ad Avellino si conferma il Pd, al miglior risultato provinciale col 19,22%. Lega (4,92), Fratelli d’Italia (3,91) e Forza Italia (3,82), rimangono dietro al Movimento 5 Stelle al 6,63%. A Benevento rimane forte l’influenza del sindaco Clemente Mastella (seconda lista per preferenze la sua, al 12,89%), che nella coalizione di centrosinistra raccoglie meno voti solo del Partito democratico col 14,3%. Qui il Movimento 5 Stelle non raggiunge di poco la doppia cifra (9,23%), cosi’ come la lista De Luca presidente (9,26) e Fratelli d’Italia (9%). La Lega fa meglio del dato regionale con il 7,16%, in linea invece Forza Italia (5,93%)

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

22 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»