Sgominata la banda dei furti nelle scuole: “Mille euro a sera e li facciamo piangere”- VIDEO

NAPOLI - Erano alla ricerca di istituti scolastici con attrezzature informatiche nuove appena assegnate grazie ai fondi europei.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Erano alla ricerca di istituti scolastici con attrezzature informatiche nuove appena assegnate grazie ai fondi europei. Sono una ventina i destinatari di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica, eseguita stanotte dai Carabinieri delle Compagnie Vomero e Stella. I reati contestati sono associazione per delinquere finalizzata ai furti nelle scuole e ricettazione.

Numerose le scuole saccheggiate dalla banda in tutte le province campane (prevalentemente nel capoluogo). Un business milionario monitorato e poi interrotto dai Carabinieri, che sono riusciti a identificare i componenti del gruppo, ricostruirne i movimenti nonché seguirne in diretta gli spostamenti, recuperando la refurtiva subito dopo i colpi.

Agguerrito l’atteggiamento del gruppo di ladri che, in alcuni passaggi delle intercettazioni, affermano senza alcuno scrupolo: “Siamo una paranza troppo forte”, “Coi furti nelle scuole facciamo mille euro a sera (…) 27mila euro con la vendita del materiale di un solo furto”, e ancora “grazie ai finanziamenti stanno rifornendo le Scuole e noi li facciamo piangere”.

Di Adriano Gasperetti – Giornalista Professionista

 

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»