Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dalla Zecca di Stato una moneta per dire ‘grazie’ agli operatori sanitari

moneta_operatori_sanitari
Da 2 euro. Ne saranno distribuite oltre 6 milioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il ministero delle Finanze e il Poligrafico e Zecca dello Stato rendono omaggio ai veri protagonisti di questo periodo storico: gli operatori sanitari. A loro sarà dedicata una moneta da due euro presentata oggi al Museo della Zecca a Roma che sarà disponibile sia in versione limitata che per l’uso corrente. “La moneta raffigura un operatore e un’operatrice sanitaria e la scritta ‘Grazie’ a fare da cornice.

Una parola “semplice” ma che “racchiude tutto” e che tutti gli italiani “devono rivolgere alla categoria”, dice il ministro dell’Economia Daniele Franco intervenuto alla presentazione della moneta. “In questa fase di sofferenza- aggiunge il titolare del dicastero di via XX Settembre- c’è stata molta solidarietà e in prima linea ci sono stati loro. I primi a pagarne un prezzo molto alto. Questa moneta vuole essere un piccolo ringraziamento per loro”. “È un modo per ringraziare gli operatori sanitari in modo corale”, dice l’amministratore delegato del Poligrafico e Zecca dello Stato, Paolo Aielli. “La moneta, infatti, è un oggetto che viene diffuso, che circola. Ne saranno distribuite infatti oltre 6 milioni”, conclude.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»