Regina Coeli, un coro multietnico diventa terapia per detenuti

Ieri alla festa della musica concerto conclusivo del progetto 'Musica dentro'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Essere liberi grazie all’arte. La musica e’ tornata dietro le sbarre del carcere romano Regina Coeli ieri sera, in occasione del solstizio d’estate e della festa della musica celebrata con concerti ed eventi in tutta Italia. Tra le mura della casa circondariale capitolina un coro multietnico formato da detenuti si e’ esibito con l’obiettivo di promuovere l’integrazione tra gli ospiti dell’istituto e favorire la comunicazione tra culture attraverso il canto e la musica.

“Il potere della musica e’ nell’essere un collante di socializzazione e un mezzo per favorire cio’ che i Greci definivano ‘catarsi’, purificazione, per essere liberi di cantare, di esprimersi anche profondamente recuperando vissuti, ricordi legati alla propria terra- spiega la coordinatrice del progetto di musicoterapia in carcere ‘Musica dentro’ Silvia Riccio-.Non c’e’ scopo estetico o virtuoso, ma la volonta’ di facilitare la comunicazione non verbale, di potenziare le competenze del singolo per condurlo alla scoperta delle proprie potenzialita’ creative”. ‘Musica dentro’ e’ un laboratorio di musicoterapia che si tiene a Regina Coeli dal 2014 e permette ai detenuti di esprimersi e comunicare con il gruppo attraverso la musica, l’improvvisazione musicale, l’uso della voce e degli strumenti.

“Il detenuto re-impara il concetto di tolleranza, verso i propri errori e quelli degli altri, e di convivenza- aggiunge Riccio- riflettendo sul valore imprescindibile del rispetto e amicizia. Un coro, quindi, di anime in primis, a conclusione di questo progetto di musicoterapia, che- conclude-, non produce arte ma terapia che permette di prendersi cura di se’, facendo perno sul processo creativo”.

(Foto di Stefano Costa)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»