Basta soste alla Fontana di Trevi, entro l’estate i flussi di turisti saranno regolati

Lo annuncia l'assessore alla Crescita culturale e vicesindaco di Roma, Luca Bergamo: "Come faremo, lo vedrete"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – “Sì, i provvedimenti per Fontana di Trevi arriveranno entro l’estate“. Lo annuncia l’assessore alla Crescita culturale e vicesindaco di Roma, Luca Bergamo, a margine della presentazione di ‘Foglie di pietra’, la scultura dell’artista Giuseppe Penone che da stasera verrà installata in largo Goldoni, davanti al negozio della maison Fendi che donerà l’opera alla città.

PIU’ POLIZIA URBANA E AIUTO DA EX CARABINIERI

Per quanto riguarda le modalità con cui il Comune interverrà su Fontana di Trevi, Bergamo spiega che “stiamo studiando un dispositivo per fare in modo che le persone non si seggano e non si fermino nel corridoio più prossimo alla fontana, abbiano il tempo di vederla, gettare la moneta e garantire la circolazione. Questo, con un rafforzamento del dispositivo di Polizia urbana e con il supporto di associazioni di volontari come ex carabinieri”.

A chi gli chiede come funzionerà, Bergamo risponde che “stiamo ancora studiando la tecnica, in modo tale che non venga ridotto il godimento della visita della fontana, ma allo stesso tempo si eviti il tappo. Se ci sarà una passerella? No- risponde infine- c’e’ già la struttura della fontana. Come faremo, lo vedrete“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»