Consiglio superiore di sanità: “Arriva il servizio anti-bufale sui vaccini” VIDEO

"Nell'informare la popolazione sui vaccini le istituzioni da sole non bastano, le persone debbono toccare con mano le fonti informative scientifiche"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A breve sarà disponibile sul sito del ministero della Salute un’area con gli articoli- tradotti in italiano-apparsi sulle più accreditate riviste scientifiche. Il tema? Quello dei vaccini.

Lo fa sapere Roberta Siliquini, presidente del Consiglio superiore di sanità, a margine della seconda Giornata nazionale della salute della donna in corso a Roma.


L’INIZIATIVA DEL MINISTERO

“Abbiamo ritenuto che nell’informare la popolazione sui vaccini le istituzioni da sole non bastano, e che le persone debbano toccare con mano le fonti informative scientifiche- spiega Siliquini-. Ci rendiamo conto che è difficile per i non addetti ai lavori poter accedere alla letteratura scientifica e comprendere articoli magari in inglese, quindi abbiamo pensato di fornire un servizio di sintesi e traduzione, anche comprensibile alla popolazione generale, dei principali articoli sui vaccini che vengono pubblicati nelle riviste più accreditate al mondo, aggiornando il sito del ministero della Salute con queste notizie che via via ci arriveranno in modo da dare la possibilità a tutti di comprendere le fonti dei dati e, per chi ne avesse voglia, di andare direttamente alla fonte dell’articolo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»