Corte dei Conti: “Per Italia ripresa debole, incertezze nel 2016”

Padoan: "Dobbiamo concentrarci maggiormente sul rilancio degli investimenti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

corte dei contiROMA  – E’ stato presentato il rapporto 2016 della Corte dei Conti sul coordinamento della finanza pubblica”Da una parte, l’economia italiana sembra uscita dalla fase recessiva; dall’altra, la ripresa, ancora debole, può trovare difficoltà a consolidarsi, anche per la sua caratteristica di asincronia ciclica rispetto ai principali Paesi partner”. .

“Incertezze gravano pertanto- si sottolinea- sugli andamenti 2016 alimentate, oltre che dal rallentamento degli scambi internazionali, anche dalle turbolenze dei mercati finanziari, connesse al rialzo dei tassi statunitensi e a diffusi timori sul settore bancario in Europa”.

PADOAN: CONCENTRARSI SU INVESTIMENTI, DA 2008 IN CADUTA VERTICALE – “Ora dobbiamo concentrarci maggiormente sul rilancio degli investimenti che negli anni della crisi sono caduti in modo verticale”. A dirlo partecipando al Senato alla presentazione del Rapporto sul coordinamento della finanza pubblica da parte della Corte dei Conti, e’ il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan. “Per favorire gli investimenti privati- aggiunge il titolare di via XX settembre- stiamo agendo sui canali di finanziamento e sugli incentivi fiscali. Anche sulla necessaria modernizzazione del funzionamento dello Stato, compresa la riforma organica della pubblica amministrazione. Si tratta, come si dice, di varare riforme per far funzionare le riforme”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»