NEWS:

A Fiumicino scoperto un giro di licenze Ncc false, coinvolte 7 cooperative

Sequestrate 35 carte di circolazione e denunciati per falso e ricettazione gli intestatari delle licenze

Pubblicato:21-11-2020 10:56
Ultimo aggiornamento:17-12-2020 20:37
Autore:

bambina 16 mesi
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – La Polizia di Stato di Fiumicino ha scoperto un vasto traffico di licenze contraffatte, relative a lussuose autovetture utilizzate per il servizio di noleggio con conducente (Ncc), regolarmente immatricolate presso la locale Motorizzazione. La Polizia Giudiziaria della Polizia di Frontiera Aerea di Fiumicino, che da mesi stava conducendo le indagini, ha scoperto falsi NCC, tra le aree dei Castelli Romani ed il litorale romano (Ladispoli e Fiumicino) sequestrato 35 carte di circolazione, abbinate ad altrettante auto immatricolate per il servizio di noleggio con conducente, e denunciato per falso e ricettazione gli intestatari delle licenze, gli autisti coinvolti ed i responsabili di sette Cooperative, di cui sei con sede a Roma e una nel Comune di Fiumicino.

Nel corso delle perquisizioni, nella sede di una delle cooperative romane coinvolte, sono state rinvenute e sequestrate ben 30 licenze false e già pronte per l’utilizzo. In molti casi, ai falsi conducenti interessati a lavorare abusivamente, era sufficiente contattare alcune cooperative compiacenti che, dietro compenso, in media di circa 500 euro al mese, offrivano loro il “pacchetto” completo, comprensivo di auto regolarmente immatricolate e pronte per il servizio ma con licenze false. Nel momento in cui le stesse cooperative presentavano alla motorizzazione competente la richiesta per l’immatricolazione delle vetture per uso NCC, venivano esibite le licenze abilmente contraffatte sulle quali non veniva operato alcun controllo approfondito.


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy