Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sparatoria in un club sul mare di Taranto: dieci ragazzi feriti, 28enne in prognosi riservata

Colpi di pistola esplosi dopo una rissa, in corso le indagini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Sono in corso indagini da parte degli agenti di polizia per fare chiarezza sulla sparatoria avvenuta la scorsa notte, dopo l’una, allo Yachting club di San Vito, in un locale sul mare vicino Taranto. Le persone rimaste ferite, tutti giovani tra i 20 e 30 anni, da alcuni colpi di pistola esplosi dopo una rissa sono una decina e la gran parte ha riportato ferite alle gambe. I feriti sono stati soccorsi dal personale del 118. I colpi hanno creato il panico nel locale in cui c’erano molte persone. I poliziotti hanno acquisito le immagini registrate dai circuiti di videosorveglianza.

UN FERITO IN PROGNOSI RISERVATA

È un 28enne di Grottaglie (Taranto) il giovane che si trova in prognosi riservata nell’ospedale “SS. Annunziata” di Taranto, dopo essere rimasto ferito nella sparatoria avvenuta la scorsa notte in un noto locale che si trova in località San Vito. Dai primi accertamenti eseguiti dal personale della Squadra mobile e della Scientifica è emerso che intorno all’1:45 dopo una rissa sono stati esplosi colpi d’arma da fuoco che hanno raggiunto dieci ragazzi – sei uomini e quattro donne – tutti di età compresa tra i 28 e i 19 anni. Nel pomeriggio di oggi i dettagli dell’accaduto saranno forniti in una conferenza stampa curata dalla polizia.

FERMATO IL PRESUNTO AUTORE

Sono stati i filmati registrati dalle telecamere di videosorveglianza dello Yatching club di San Vito (Taranto) a consentire agli agenti della squadra mobile di identificare il presunto responsabile della sparatoria della scorsa notte in cui dieci persone sono rimaste ferite di cui una in gravi condizioni. Si tratta di un 37enne tarantino, residente del quartiere Tamburi. L’uomo è accusato di duplice tentato omicidio, lesioni gravi, detenzione e porto illegale di arma da sparo e spari in luogo pubblico. Alla base della sparatoria ci sarebbero futili motivi scatenati da una rissa avvenuta nel corso di una festa organizzata da alcuni ragazzi. Il 37enne avrebbe discusso con il 28enne di Grottaglie per poi esplodere alcuni colpi di pistola calibro nove che lo hanno raggiunto alle gambe. Dei feriti, otto sono stati dimessi mentre un’altra persone si trova in Ortopedia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»