Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Smart city, Roma 21esima in classifica e Milano si allontana

Il distacco tra Roma e Milano, calcola Fpa, aumenta in termini di punteggio passando dai 127 punti ai 155 di quest’anno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

trinita_monti_romaROMA – Roma si colloca al 21esimo posto nella classifica delle smart city, che vede Milano ben salda al comando seguita da Bologna e Venezia. Il capoluogo veneto sale sul podio, spingendo Firenze al quarto posto. Lo stabilisce il rapporto annuale ICityRate 2016, presentato oggi a Bologna e realizzato da FPA, che stila la classifica delle città italiane analizzando 106 Comuni capoluogo sulla base di 105 indicatori statistici (in aumento netto rispetto agli 84 dello scorso anno) e sette dimensioni tematiche: Economy, Living, Environment, People, Mobility, Governance e Legality. Il distacco tra Roma e Milano, calcola Fpa, aumenta in termini di punteggio, passando dai 127 punti del 2015 ai 155 di quest’anno.

Roma riesce a tener testa a Milano solo per la qualità del proprio capitale umano: se la dimensione ‘Economy’ vede Roma seconda, con un netto distacco dal capoluogo lombardo, è infatti nella dimensione ‘People’ che registra i risultati migliori, con un salto in avanti rispetto al decimo posto dello scorso anno. Un avanzamento fatto soprattutto dell’alto livello di istruzione della popolazione residente e dell’equilibrio di genere nel mercato del lavoro, misurato in termini di rapporto tra tassi di occupazione femminile e maschile. Perde però 5 punti in quella ‘Legality’ dove risulta tra le ultime cinque in classifica.

Un dato positivo è legato alla dimensione ‘Economy’, dove seppur nel distacco inevitabile da Milano il secondo posto ottenuto la fa crescere di una posizione rispetto allo scorso anno. Roma attrae laureati, finanziamenti UE e imprese ad alto contenuto di conoscenza. Due gli elementi interessanti nella performance romana rispetto alla dimensione economica: da un lato si consolidano rispetto allo scorso anno gli alti valori raggiunti nelle variabili standard (e in particolare l’indice di disponibilità del credito e l’incidenza di laureati sul numero di occupati), dall’altro l’economia della capitale appare rinforzata dai due nuove indici inseriti per misurare la capacità di attrarre finanziamenti europei legati alla ricerca e all’innovazione e quella di generare imprese ad alto contenuto di conoscenza.

Nella classifica generale mantengono le stesse posizioni 2015 Frosinone, Viterbo, Latina e Rieti rispettivamente 70esima, 73esima, 74esima e 78esima. Penultima Frosinone per la dimensione ‘Environment’, mentre Latina fa un balzo in avanti per la dimensione ‘Mobility’ passando dal 97 al 70 posto. “Quest’anno più che in passato ICityRate va a misurare, unitamente alla qualità del vivere urbano, la capacità delle città di farsi piattaforma abilitante, di guardare a traguardi lunghi facendo scelte e investimenti che puntano sui nuovi driver di sviluppo- commenta Gianni Dominici, direttore di FPA e curatore della ricerca- Il paradigma della Smart City negli ultimi anni ha sempre di più spostato l’accento dall’innovazione tecnologica all’innovazione sociale, al co-design, alla gestione dei beni comuni.milano

In questa direzione sono andate le strategie europee della nuova programmazione, e in questa direzione stanno andando le politiche locali”. Il riflesso di questa evoluzione del concetto di smart city e della sua traduzione nelle politiche urbane ha portato all’introduzione nell’ ICityRate di nuove variabili che vanno a misurare la capacità delle città di: accogliere e saper gestire i flussi migratori; attrarre cervelli e talenti e generare imprese innovative; attrarre finanziamenti europei per la ricerca e l’innovazione; rendere disponibili i dati pubblici; agevolare le pratiche d’uso sociale degli spazi pubblici; attivare reti e relazioni per la sostenibilità e la gestione delle politiche smart; garantire gli adeguati livelli di sicurezza e legalità.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»