Coronavirus, al Pascale di Napoli parte la sperimentazione sui test rapidi

Servirà per identificare tutti gli individui con infezione da coronavirus asintomatici o con sintomi lievi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Un test rapido per identificare tutti gli individui con infezione da coronavirus asintomatici o con sintomi lievi. E’ quanto si sta sperimentando all’istituto Pascale di Napoli su pazienti e dipendenti. Se questo test da’ un esito positivo puo’ essere confermato tramite biologia molecolare, se negativo puo’ essere ripetuto dopo qualche giorno. “Il test, avviato pochi giorni fa all’Istituto dei tumori di Napoli, sembra dare risultati molto promettenti”, fanno sapere dal Pascale.

La sperimentazione e’ condotta nel dipartimento di Medicina di laboratorio dell’istituto Pascale in collaborazione con la Uosd di Virologia dell’azienda ospedaliera universitaria Federico II e dell’Uoc di Microbiologia e Virologia del Cotugno. “Attendiamo i risultati dello studio – dice il manager del polo oncologico Attilio Bianchi – prima di esprimerci in via definitiva. Il Pascale conferma la propria vocazione alla ricerca di cui diventa sempre piu’ punto di riferimento”.

Dall’istituto ricordano che tutti i dipendenti del Pascale al rientro dalle ferie estive sono sottoposti a tampone nasofaringeo prima del reintegro nei reparti. Contestualmente vengono eseguiti anche i test sierologici. I pazienti sono sempre sottoposti a tampone obbligatorio prima dell’ingresso in ospedale.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»