Coltivazione di Marijuana ‘fai da te’: la mascherava coi deodoranti per ambienti

Credeva che lasciare tanti deodoranti per ambiente sulla soglia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

marijuanaCredeva che lasciare tanti deodoranti per ambiente sulla soglia di casa sarebbe stato sufficiente a nascondere l’inconfondibile odore della Marijuana che coltivava in casa. Ma questo particolare ‘agricoltore’ 39enne di Casal del Marmo non sapeva che gli investigatori del Commissariato di Prima Valle lo stavano tenendo d’occhio già da un po’, e ieri dopo lunghe indagini hanno finalmente fatto scattare la perquisizione dell’appartamento, dove hanno trovato un bel bottino di droga: oltre a una stanza adibita a serra, dove crescevano rigogliose 30 piante, nel resto delle stanze hanno sequestrato in totale 800 grammi di marijuana -di cui 150 conservati in frigo- 85 grammi di hashish e più di mille euro in tagli da 20 e 50.

E non solo: oltre alla merce, trovati anche altri vari ‘attrezzi del mestiere’: lampade alogene, 3 timer e 2 ventilatori utili a regolare la giusta quantità di luce, temperatura e umidità della serra, assieme a fertilizzanti, lampade di ricambio e una busta con gli scarti della coltivazione.

Per la Polizia non si tratta di un’operazione isolata, anzi si moltiplicano i casi di coltivazioni ‘fai da te’ nella Capitale. L’uomo è stato indagato in stato di libertà per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

Di Redazione

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»