Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Musica, a Cremona nasce lo Stauffer Center for Strings

Sarà il primo centro musicale internazionale per l’alta formazione interamente dedicato agli strumenti ad arco
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Fondazione Stauffer, cinquant’anni dopo la sua costituzione e a 35 anni dall’aver creato la sua Accademia, eccellenza nel panorama nazionale e internazionale dell’alta formazione musicale, sceglie l’International Music Day – la Giornata Internazionale della Musica – per inaugurare, a Cremona, lo Stauffer Center for Strings. Si tratta del primo centro musicale internazionale per l’alta formazione interamente dedicato agli strumenti ad arco. Nel corso dell’Open Day, venerdì 1 ottobre 2021, sia in presenza e sia in streaming, sarà avviato l’anno accademico 2021/22. La programmazione, invece, sarà disponibile già a partire da giugno sul nuovo sito web dello Stauffer Center.


“Eccellenza, internazionalità, innovazione e sostenibilità saranno i principi guida su cui formare le nuove generazioni di musicisti” ha dichiarato Paolo Petrocelli, direttore generale del nascente centro e dell’Accademia Stauffer. Inoltre, tutti i programmi del Center, inclusa l’intera offerta didattica dell’Accademia Stauffer, saranno erogati attraverso borse di studio a copertura totale. A ospitare la sede dello Stauffer Center for Strings sarà l’iconico edificio seicentesco nel centro di Cremona, Palazzo Stradiotti detto Palazzo Stauffer, riconvertito in un Campus polifunzionale altamente tecnologico, sostenibile e plastic-free dagli architetti Lamberto Rossi associati. I 2mila metri quadri articolati su tre livelli, il cui interior design è a firma di Pininfarina Architecture, un’icona dello stile italiano, accoglieranno anche l’Accademia Stauffer e gli Stauffer Labs, dipartimenti creativi e di innovazione. Insieme a una sala concerti, una serie di sale studio e aule didattiche, uno studio di registrazione, una bibliomediateca, una caffetteria e, anche, una foresteria immersa nel giardino. Insomma, uno spazio d’incontro in cui poter esprimere talento e creatività.

Lo Stauffer Center pensa in grande e, per distinguersi come una delle più avanzate ed innovative piattaforme di cooperazione artistica a livello globale, si avvarrà di artisti di fama mondiale, che andranno ad affiancare gli autorevoli maestri dell’Accademia Stauffer, tra i quali Salvatore Accardo (violino), Bruno Giuranna (viola), Antonio Meneses (violoncello), Franco Petracchi (contrabbasso) e il Quartetto di Cremona, insieme a numerose organizzazioni musicali partner, fra cui alcune tra le più prestigiose istituzioni accademiche al mondo. “Dalla grande tradizione della scuola musicale italiana, di cui l’Accademia Stauffer è custode – ha aggiunto Paolo Petrocelli – prende vita un progetto culturale unico, aperto al mondo, in connessione con il presente e proiettato al futuro, pensato per chiamare a raccolta su Cremona le migliori energie, competenze e professionalità della comunità musicale mondiale, a supporto delle giovani generazioni. Forti della nostra storia e della nostra identità, vogliamo promuovere una visione artistica nuova, sempre più partecipata ed inclusiva. Siamo convinti, infatti, che oggi un’istituzione per l’alta formazione musicale, non debba solo preparare e sostenere gli artisti di domani, ma abbia anche il dovere di contribuire positivamente alla costruzione di una società migliore”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»