Bologna, trova un portafogli con dentro 3.500 euro e lo consegna alla polizia

portafogli restituito al proprietario bologna
Un 38enne ha rinvenuto il borsello in via del Pratello privo di documenti e lo ha portato agli agenti, che sono riusciti a risalire al proprietario grazie alle telecamere di sorveglianza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Ha trovato un portafogli con dentro 3.500 euro, ma senza documenti che consentissero di risalire al proprietario, e invece di tenerselo lo ha consegnato alla Polizia, che poi è riuscita a rintracciare il proprietario e a restituirglielo. L’episodio, che vede protagonista un 38enne italiano, è accaduto ieri pomeriggio.

L’uomo ha trovato il portafogli in via del Pratello a Bologna, e intorno alle 15 lo ha portato al commissariato Due Torri-San Francesco. Gli agenti, fa sapere la Questura, “si sono subito messi alla ricerca del proprietario, controllando le immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza“.

Alla fine dalle immagini è stato possibile risalire all’uomo che aveva smarrito il portafogli, che poi i poliziotti, visionando in diretta le telecamere, hanno notato mentre “si aggirava guardingo alla ricerca del portafogli stesso”. A quel punto l’uomo, un 55enne italiano titolare di una rosticceria, è stato intercettato dagli agenti, che gli hanno restituito il portafogli e hanno poi convocato anche il ragazzo che lo aveva trovato.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»