A Bologna un Treno Verde carico di… buone prassi FOTO e VIDEO

Il convoglio di Legambiente diretto a Bruxelles insegna la lotta agli sprechi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Un treno a tema dedicato ai ragazzi su riciclo, prevenzione dei rifiuti ed economia del non-possesso. Anche a Bologna fa tappa la campagna “green” del Treno Verde promosso da Legambiente e Fs, con la partecipazione del ministero dell’Ambiente, per sensibilizzare i più giovani sui temi ambientali di maggiore attualità, anche alla luce della legge regionale sull’economia circolare entrata in vigore nel 2015.


“Una legge che sta già dando dei risultati molto importanti, anticipando anche alcuni temi che l’Europarlamento ha chiesto proprio in questi giorni sul pacchetto economia circolare in assemblea”, segnala Paola Gazzolo, assessore regionale all’Ambiente.

A bordo del convoglio, manifesti informativi, disegni e materiale interattivo introducono gli studenti all’educazione al riciclo e ai pericoli causati dallo spreco delle risorse, temi approfonditi anche grazie alle quattro realtà imprenditoriali (di 100 complessive) dell’Emilia-Romagna selezionate da Legambiente e premiate oggi con il titolo di ‘Campioni dell’economia circolare’ dal presidente regionale di Legambiente, Lorenzo Frattini. La destinazione finale del messaggio portato dalle aziende e dall’associazione ambientalista è prevista per il 24 aprile a Bruxelles, dove è in corso la discussione per l’approvazione del pacchetto europeo sull’economia circolare, approvato nei giorni giorni scorsi dall’Europarlamento.

A Bruxelles “andremo a chiedere maggiore coraggio nella definizione degli obiettivi di riciclo e riuso a livello europeo- afferma Davide Sabbadin, portavoce del Treno Verde- perchè l’Italia è il Paese campione dell’economia circolare in Europa, vanta il maggior numero di posti di lavoro del settore e il maggior numero di brevetti, e detiene i record di riciclo e prevenzione dei rifiuti”.

di Davide Landi, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»