Quinto giorno di taxi fermi, stalli vuoti e disservizi

Prosegue la protesta dei tassisti contro il maxiemendamento al decreto Milleproroghe considerato dai rappresentanti della categoria, 'pro Uber'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Prosegue la protesta dei tassisti contro il maxiemendamento al decreto Milleproroghe considerato dai rappresentanti della categoria ‘pro Uber’.

Anche a Roma – così come a Milano, Torino, Napoli e in gran parte dell’Italia – per il quinto giorno consecutivo i conducenti hanno incrociato le braccia e sospeso il servizio, garantendo il trasporto per gli utenti disabili da e per gli ospedali.

Stalli vuoti e passeggeri in inutile attesa, alla stazione Termini e in tutte le principali stazioni della città. Intanto, saranno in migliaia domani ad arrivare a Roma in concomitanza con l’incontro i sindacati del settore e il ministro Delrio, previsto per le prime ore del pomeriggio. Durante l’incontro i rappresentanti sindacali chiederanno al titolare di Infrastrutture e Trasporti il ritiro dell’emendamento Lanzillotta.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»