Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Arriva in Lombardia la zanzara coreana resistente al freddo

zanzara coreana resistente al freddo
A differenza delle note 'sorelle' del genere Aedes, la zanzara coreana tollera molto bene le basse temperature, tanto che ha già colonizzato un'ampia area collinare-montana del Veneto e Trentino
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Giovanni Domaschio

MILANO – In Lombardia arriva una nuova varietà di zanzara: viene dalla Corea ed è resistente ai climi freddi. A rivelarlo è uno studio dell’Università Statale di Milano, pubblicato sulla rivista ‘Parasites & Vectors’.

Le analisi dell’Università si sono svolte nell’estate 2020, nel corso di un programma di sorveglianza di siti a rischio di introduzione di nuove zanzare invasive tra le province di Bergamo e Brescia. I campioni raccolti, tra esemplari e larve, erano circa 6.000. Molte di queste zanzare sono state identificate come appartenenti alla specie Ardea Koreicus, originaria appunto dell’isola vulcanica sudcoreana del distretto di Jeju.

“Sottolineiamo che questa zanzara, a differenza delle note ‘sorelle’ del genere Aedes, come appunto la zanzara tigre, tollera molto bene le basse temperature, tanto che ha già colonizzato un’ampia area collinare-montana del Veneto e Trentino“, spiega Sara Epis, docente del Dipartimento di Bioscienze e coordinatrice della ricerca, sottolineando quindi l’adattabilità e l’invasività di questa particolare specie alloctona.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»