fbpx

Tg Agricoltura, edizione del 19 ottobre 2019

INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ IN UNA CANTINA BIO DELLA TUSCIA

Jane è la mascotte dell’azienda agricola Trebotti, guidata da tre fratelli appartenenti a una famiglia che in Veneto produce uve da 150 anni. Nel 2003 hanno scelto la Tuscia per fondare una cantina improntata sull’innovazione, la sostenibiltà ambientale e sul recupero di alcune tradizioni. Sono tra i primi nel Lazio ad aver calcolato le emissioni di CO2 per ogni bottiglia, depurano e riutilizzano l’acqua usata per la produzione e hanno perfezionato una cella biotecnologica per l’appassimento delle uve.

DAL PERÙ A PALESTRINA, IL SUPER CACAO È ‘CRUDO’

Una lavorazione senza cottura che permette di mantenere le proprietà nutritive ed esaltare il sapore di un alimento già iscritto di diritto nella lista dei superfood. Così nasce il cacao crudo, che l’azienda di Daniele Dell’Orco produce dal 2013.

LA SUSIANELLA, DALLA CIVILTÀ ETRUSCA ALLA CULTURA VITERBESE

La susianella è un prodotto tipico viterbese e presidio slow food, che viene preparato con corata e tagli di maiale, e insaccato nella tradizionale forma a U. La ricetta risale al medioevo, anche se si ritiene che la sua origine risalga agli Etruschi. L’insaccato, negli ultimi anni è stato protagonista di un percorso di valorizzazione, anche grazie ad alcune norcinerie del territorio, come quella di Simonetta Coccia.

REGIONE LAZIO E ARSIAL PROTAGONSTI ALLA MAKER FAIRE 2019

Innovazione e creatività sono di scena a Roma con la settima edizione di Maker Faire, alla Fiera di Roma fino al 20 ottobre. Nel fitto programma della tre giorni dedicata ai creatori, molti gli appuntamenti centrati su innovazioni e nuove tecnologie del mondo agroalimentare che vedranno protagonisti enti di ricerca, imprese del territorio e istituzioni. Tra queste anche Regione Lazio e Arsial.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

19 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»