Libia, in bilico accordo sul Governo di unità nazionale

libia
ROMA  - Le parti in lotta in Libia devono adottare con urgenza l'accordo politico proposto dall'Onu per un
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Le parti in lotta in Libia devono adottare con urgenza l’accordo politico proposto dall’Onu per un governo di unita’ nazionale per consentire al paese di uscire dal caos e dalla violenza: a formulare l’appello, alla vigilia della scadenza per la firma dell’intesa, sono diversi paesi arabi e occidentali, che invitano i governi di Tripoli e Tobruk ad aprire al dialogo.

Bandiera della Libia

“Esortiamo i partecipanti al tavolo negoziale a cogliere questa opportunita’ per porre fine all’instabilita’, adottando l’accordo politico e assicurando la sua piena applicazione, senza introdurre ulteriori modifiche” sottolineano i firmatari dell’appello redatto a Parigi, tra cui figurano Stati Uniti, Unione Europea, Algeria, Marocco, Tunisia, Emirati Arabia, Qatar e Turchia. Nell’estremo tentativo di porre fine ai continui rilanci e innumerevoli emendamenti a cui i due governi libici hanno sottoposto nell’ultimo mese e mezzo la bozza di accordo, lo scorso 9 ottobre l’inviato Onu Bernardino Leon ha presentato una proposta che prevede Fayez al Serraj alla guida di un esecutivo con 17 ministri e vari consiglieri presidenziali. La firma dell’intesa tuttavia, e’ apparsa subito a rischio: gia’ nei giorni scorsi il Congresso nazionale generale (Cng) al potere a Tripoli ma non riconosciuto dalla comunita’ internazionale, aveva inviato segnali negativi. Sulla stampa libica, il presidente del congresso Abu Sahimin ha condannato il fatto “di essere stato invitato ad andare a New York alla presenza del ministro degli Esteri di Tobruk, sostenuto da un parlamento illegale sciolto dalla Corte costituzionale, e dei ministri degli Esteri di Egitto ed Emirati, paesi che hanno sostenuto un intervento militare in Libia”. Prima di lui anche il consiglio tribale di Zintan, potente tribu’ libica ostile a quella di Misurata, si era detto contrario, pur ribadendo il suo sostegno al processo di dialogo. Dal canto suo, il Parlamento di Tobruk, ha rimandato la decisione ponendosi come scadenza ultima la data di domani. Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu ha minacciato di porre sotto sanzioni le personalita’ che continuino a ostacolare la firma di un accordo per la transizione politica nel paese. (Dire-Misna)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»