Haiti, contro le gang di Port-Au-Prince scatta lo stato d’emergenza

Venerdì scorso, la polizia ha lanciato un'operazione in queste zona ma senza successo e quattro agenti hanno perso la vita
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Quattro zone periferiche della capitale Port-au-Prince sarebbero sfuggite al controllo dello Stato, a causa delle violenze di gruppi criminali. E’ per questo che il governo di Haiti, con un decreto presidenziale, ha imposto lo stato d’emergenza per queste aree. In particolare, si tratta di tre quartieri di Port-au-Prince e di un piccolo comune all’interno della stessa provincia.

La misura, hanno riferito fonti di governo, si è resa necessaria per ristabilire “l’autorità dello Stato”, in quanto “sequestri di persona a scopo di estorsione, rapine e saccheggi” avvengono quasi quotidianamente e le gang locali non esitano ad arrivare “allo scontro diretto con le forze di pubblica sicurezza”.

Venerdì scorso, la polizia ha lanciato un’operazione in queste zona ma senza successo e quattro agenti hanno perso la vita. In conseguenza delle nuove misure, si legge nel decreto, “potrebbero esserci restrizioni alle comunicazioni e al traffico per consentire l’intervento delle autorità”. Una situazione che, come avvertono fonti di stampa internazionali, potrebbe inasprire l’emarginazione delle comunità locali, che nelle periferie soffrono maggiormente la disoccupazione e la mancanza dei servizi di base.

Haiti da mesi sta attraversando una crisi politico-istituzionale a cui si aggiunge quella economica, aggravata dalla pandemia di Covid-19. Il Paese non si è mai ripreso del tutto dal devastante terremoto del 2010, registrando tassi di povertà tra i più alti del continente.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»