Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Trivelle, l’Ordine dei biologi si schiera a favore del sì al referendum

"Se i combustibili fossili dovessero venire a contatto con l'ambiente marino, si genererebbe un danno al suo ecosistema"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Civitanova Marche, Italia – In azione contro le trivelle in Adriatico. ©Matt Kemp/Greenpeace

ROMA – L’Ordine nazionale dei biologi si esprime a favore del si’ sul cosiddetto referendum bloccatrivelle del prossimo 17 aprile, che ha l’obiettivo di impedire che le concessioni per le estrazioni di idrocarburi entro le 12 miglia marine durino senza limiti di tempo.

“Non si tratta di una presa di posizione politica- spiega Ermanno Calcatelli, presidente dell’Onb- perche’ un ordine professionale rappresenta tante anime con sensibilita’ proprie. Ma i biologi, che sono gli scienziati della vita in senso lato, segnalano che se i combustibili fossili dovessero venire a contatto con l’ambiente marino, si genererebbe un danno al suo ecosistema“. Al riguardo, l’Ordine dei Biologi sostiene che sia necessario preservare gli habitat marini con un’economia attenta alla biodiversita’ e alla tutela dell’ambiente. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»