Istanbul, arrestato il killer della strage di Capodanno: “Ha confessato”

ROMA -  E' finita. La caccia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA –  E’ finita. La caccia all’uomo per consegnare alle autorità il responsabile della strage di Capodanno a Istanbul si è conclusa questa notte con l’arresto dell’uzbeko Abdulkadir Masharipov, nel quartiere di Esenyurt, alla periferia europea della metropoli sul Bosforo. Lo ha reso noto il governatore di Istanbul, Vasip Sahin. “Il terrorista ha confessato“, ha detto ai reporter.

“Il killer- ha aggiunto- è nato in Uzbekistan nel 1983, è stato addestrato in Afganistan e parla 4 lingue, sarebbe entrato in Turchia illegalmente dal confine est nel gennaio scorso. E’ chiaro- ha aggiunto- che ha agito per conto dell’Isis”.
In tutto questo tempo, il killer è sempre stato lì, in un “covo Isis” nella stessa città che aveva insanguinato. Secondo la Cnn turca è stato rintracciato a casa di un amico del Kirghizistan. Insieme a lui oltre al figlio di 4 anni, c’erano altre quattro persone, tra cui tre donne, con passaporti di Kirghizistan, Somalia, Egitto e Senegal: ora sono in arresto. Il bambino, conferma l’agenzia stampa turca Anadolu, è stato invece affidato ai servizi sociali.
Nell’operazione sono stati sequestrati anche carte telefoniche, due pistole, un drone e 197mila dollari statunitensi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»