Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ospedale Israelitico, Tar respinge il ricorso: resta lo stop all’esercizio

ROMA - Nessuno stop alla sospensione dell'accreditamento né all'autorizzazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

protesta israelitico1ROMA – Nessuno stop alla sospensione dell’accreditamento né all’autorizzazione all’esercizio per l’ospedale Israelitico. La sezione III quater del Tar Lazio ha respinto la richiesta di sospensiva del decreto del commissario ad acta della sanità laziale, Nicola Zingaretti, dello scorso 23 ottobre sulla “sospensione in via cautelare dell’autorizzazione all’esercizio e dell’accreditamento del ricorrente per i vari presidi siti in Roma”.

I giudici amministrativi nell’ordinanza hanno motivato il provvedimento ritenendo che “non sussistono i presupposti per l’accoglimento della proposta istanza cautelare avuto presente che: a) relativamente alla sospensione dello svolgimento dell’attività accreditata la sospensione della stessa è imputabile alle irregolarità riscontrate in sede penale e recepite dalla resistente Regione; b) per quanto concerne lo svolgimento dell’attività non accreditata le competenti amministrazioni, come emerso in sede di discussione, si sono impegnate ad effettuare gli accertamenti di competenza entro tempi stringenti e compatibili con le esigenze prospettate in sede cautelare dal nosocomio ricorrente”.

LEGGI ANCHE

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»