La Ue avverte: “La manovra dell’Italia rischia di non rispettare il patto”

Per il 2017 sono 13 i paesi che subiranno un "esame approfondito" della Commissione europea perché presentano degli "squilibri"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ue_bandiera

ROMA – L’Italia è “a rischio di non conformità” nell’ambito del patto di stabilità e crescita. L’Italia “deve rispettare la regola del debito”. Lo dice in conferenza stampa a Bruxelles il vice presidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis.

 RAPPORTO SU ITALIA A BREVE, MA DOPO IL 4/12

Il rapporto supplementare della Commissione europea sull’Italia verrà presentato dopo le riunioni di Eurogruppo ed Ecofin del 5 e 6 dicembre. Quindi dopo il referendum sulle riforme costituzionali fissato il 4 dicembre. Lo sottolinea il commissario europeo agli Affari economici, Pierre Moscovici, nel corso della conferenza stampa a Bruxelles. Verrà presentato “a breve termine” ribadisce il vice presidente della Commissione, Valdis Dombrovskis, il che può voler dire “tra un mese o due”.

SISMA DRAMMATICO IN ITALIA, NE TERREMO CONTO

“Nel caso dell’Italia una ampia parte della deviazione” dei conti pubblici “è dovuta ai costi associati al terremoto che quest’anno è stato molto grave, drammatico, e sulla gestione dei flussi migratori. Ne terremo conto”, ha precisato Pierre Moscovici.

ANCHE LA GERMANIA MONITORATA PER SQUILIBRI, SURPLUS AUMENTA

Per il 2017 sono 13 i paesi che subiranno un “esame approfondito” della Commissione europea perché presentano degli “squilibri”. Oltre all’Italia anche la Germania che continua ad aumentare il surplus. E’ quanto emerge dal rapporto di Bruxelles sul meccanismo di allerta (Amr).

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»