Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dal robot che pulisce il pianeta alla macchina sonora, premiati i vincitori del concorso ‘Siamo tutti Leonardo’

concorso Siamo tutti Leonardo
Ideato dalla Fondazione Leonardo-Civiltà delle Macchine e realizzato in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha premiato questa mattina, a Roma, le scuole che si sono distinte nel concorso nazionale ‘Siamo tutti Leonardo’, ideato dalla Fondazione Leonardo-Civiltà delle Macchine e realizzato in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione. Una gara di idee nata per stimolare la riflessione di studentesse e studenti su un uso positivo e creativo delle tecnologie. Il concorso è stato promosso per stimolare ragazze e ragazzi a tirare fuori la loro inventiva, a lavorare in gruppo, come si fa anche nel mondo della ricerca, a produrre progetti e idee con l’uso degli strumenti tecnologici. Al concorso si poteva partecipare producendo un elaborato di tipo testuale (articolo, saggio) o grafico-visuale (foto, video, podcast).

Le scuole sono state premiate in video collegamento. Durante l’evento è stato trasmesso un video con le opere vincitrici. In particolare, studentesse e gli studenti dell’Istituto Europa di Pomigliano d’Arco hanno progettato un veicolo ecosostenibile, i bambini dell’Istituto San Giovanni Battistadi Genova hanno sperimentato diverse attività legate alla musica dando vita a una macchina sonora. E ancora, la Scuola Montessori di Bergamo ha costruito un robot che pulisce il pianeta con materiali di riciclo mentre le ragazze e i ragazzi della scuola Pavoni – Paolo VI di Tradate hanno pensato che se Leonardo tornasse improvvisamente tra noi progetterebbe un pannello termoisolante ecosostenibile per la casa domotica e hanno messo a punto le varie fasi per realizzarlo.

All’incontro hanno partecipato il presidente della Fondazione Leonardo – Civiltà delle Macchine, professor Luciano Violante, il presidente onorario di Fondazione Leonardo – Civiltà delle Macchine e Presidente di Leonardo S.P.A. Luciano Carta e l’Amministratore delegato di Leonardo S.P.A. Alessandro Profumo.

“È fondamentale che le nostre studentesse e i nostri studenti imparino a conoscere le tecnologie, che siano consapevoli delle loro straordinarie potenzialità e dei rischi che si corrono facendone un cattivo utilizzo– ha sottolineato il ministro Patrizio BianchiAttraverso iniziative come questa lavoriamo per diffondere le competenze digitali, per far sì che ragazze e ragazzi siano cittadini attivi, consapevoli, protagonisti dell’uso positivo della tecnologia, non fruitori passivi. Li aiutiamo a sviluppare il senso critico”.

“Fondazione Leonardo-Civiltà delle Macchine– ha sottolineato Luciano Violanteintende contribuire al fabbisogno educativo del Paese stimolando l’interesse verso le discipline STEM con un’attenzione particolare alla sostenibilità delle nuove tecnologie e al loro impatto sulla società. Con questa iniziativa, che sicuramente confermiamo anche per il prossimo anno scolastico, vogliamo continuare a incoraggiare la creatività dei ragazzi di ogni scuola di ordine e grado favorendo sempre di più le competenze tecnologiche nel sistema dell’istruzione. Stiamo lavorando, inoltre, alla realizzazione di un video per valorizzare la necessità della formazione tecnologica attraverso un dialogo tra una ragazza, lo psichiatra Paolo Crepet e l’astronauta Roberto Vittori. Il video, d’intesa con il ministero dell’Istruzione, è destinato a essere pubblicato sul portale del Ministero e su quello della Fondazione per essere a disposizione di tutte le scuole”.

“I ragazzi premiati hanno ideato e progettato durante il periodo più difficile, quello della pandemia, che per loro ha significato lunghi mesi di scuole chiuse e di didattica a distanza. Tutti– ha sottolineato il presidente di Leonardo, Luciano Cartahanno trasfuso nei loro progetti un sogno: contribuire a migliorare il pianeta e la società attraverso macchine, robot o tecnologie sostenibili. Anche per questo i giovani vanno sollecitati e formati con lo studio delle materie STEM. Nel 2021 Leonardo ha avviato il programma Education & Digital Humanities per promuovere la cultura STEM nelle scuole italiane per bambini e ragazzi dai 6 fino ai 18 anni. E per contribuire all’implementazione degli Istituti tecnici superiori abbiamo destinato uno degli stabilimenti dell’ex area Galileo di Firenze alla nuova sede della Fondazione ITS Prime”.

“Per restare sulla frontiera delle nuove tecnologie, le imprese hanno bisogno dell’energia, della passione e della creatività dei giovani– ha dichiarato l’Amministratore Delegato di Leonardo, Alessandro ProfumoPer questo siamo fortemente impegnati nella valorizzazione delle discipline STEM, con l’obiettivo di fornire agli studenti una formazione matematica affiancata da competenze umanistiche, un mix necessario per sviluppare un pensiero complesso e la capacità di elaborare dati: fattore cruciale nel nuovo mondo digitale”.

Le scuole vincitrici

Sezione Scuola dell’Infanzia

Istituto Comprensivo San Giovanni Battista – Scuola XVI Giugno di Genova, per l’elaborato “Macchina sonora”

Sezione Scuola Primaria

Fondazione Scuola Maria Montessori di Bergamo, per l’elaborato “Il robot pulisci pianeta”

Sezione Scuola Secondaria di I grado

Scuola Secondaria di I grado “Pavoni – Paolo VI” di Tradate (VA), per l’elaborato “Per una tecnologia sostenibile”

Sezione Scuola Secondaria di II grado

Istituto di Istruzione superiore Europa di Pomigliano d’Arco (NA), per l’elaborato “Green Bee”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»