Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Istituti tecnici, Merola: “Magari li chiamiamo tutti licei per far contenti i fighetti”/VIDEO

Oggi il sindaco Merola ha lanciato l'idea di trasformare le Aldini Valeriani in un liceo industriale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Fa più figo frequentare un liceo che un istituto tecnico? “Chiamiamoli tutti licei”, è la provocazione del sindaco di Bologna, Virginio Merola, che alla presentazione di millennials.coop ha lanciato l’idea di trasformare le Aldini Valeriani, per esempio, in un liceo industriale. “È una distinzione un po’ superata quella tra i licei e gli istituti tecnici. Magari per chi ha bisogno di fare il fighetto li chiamiamo tutti licei, ma l’importante è capirsi che tenere insieme innovazione, cultura tecnica e umanistica è indispensabile”, spiega il sindaco, ricordando che il tessuto produttivo bolognese ha bisogno di almeno un migliaio di tecnici all’anno. Eppure, evidentemente c’è ancora un pregiudizio nei confronti degli istituti tecnici da parte di molte famiglie.

“Lo dicono i dati- conferma Merola- io non colpevolizzo le famiglie, ma oggi occorre tenere insieme le due cose: il liceo Aldini Valeriani è suggestione per dire guardate che la divisione non è tra licei e istituti tecnici, ma è tra chi si specializza senza essere consapevole del contesto con il necessario spirito critico e chi no”. Insomma, il sindaco immagina studenti con una formazione tecnica e una preparazione anche in campo umanistico. “Bisogna comprendere tutti che i licei tecnici sono il futuro– osserva- oggi la cultura tecnica procede di pari passo con la cultura umanistica, altrimenti non ha futuro. Forse bisogna continuare a motivare sul fatto che il lavoro tecnico non è semplicemente un lavoro subordinato, è un lavoro importante e da questo dipende molto del nostro futuro. Quindi bisogna unire le capacità critiche umanistiche alla consapevolezza del mondo della tecnologia”.

di Vania Vorcelli, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»