Marocco, prosegue la querelle con l’Onu sul Sahara occidentale

[caption id="attachment_11625" align="alignleft" width="273"] Marocco-Sahara occidentale[/caption] Il Marocco e le Nazioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Marocco-Sahara occidentale
Marocco-Sahara occidentale

Il Marocco e le Nazioni unite sono ai ferri corti. Rabat si e’ detta offesa perche’ la scorsa settimana il Segretario generale Onu, Ban Ki-Moon, ha utilizzato la parola “occupazione” per descrivere la presenza del Marocco nel Sahara occidentale, regione al centro di una disputa dal 1975. Un termine che, secondo quanto riportano le agenzie di stampa marocchine, e’ “inaccettabile”. Il Governo del Marocco ha cosi’ annunciato di voler ridurre il personale nella missione Onu nel Sahara occidentale e ha minacciato di ritirare tutto il suo personale dalle missioni di pace Onu nel mondo. La questione del Sahara occidentale e’ un nervo scoperto per il Marocco. La regione, ex colonia spagnola, e’ stata occupata dalle forze armate marocchine nel 1975 quando Madrid si e’ ritirata dopo la morte del caudillo Francisco Franco. In quel momento, la popolazione locale, sostenuta dall’Algeria, ha lanciato una guerriglia che e’ terminata con il cessate-il-fuoco del 1991, in cambio della promessa di celebrare un referendum sullo statuto definitivo del Sahara occidentale deciso dall’Onu nel gennaio 1992. Il referendum pero’ non si e’ tenuto e nel 2004 la durata della missione Onu nel Paese e’ stata prorogata per consentire l’esame di una nuova proposta di pace, che prevedeva un referendum entro 5 anni, durante i quali l’area sarebbe stata soggetta ad una Autorita’ del Sahara occidentale guidata da un esecutivo eletto dalla popolazione sahrawi. Nell’aprile 2007 l’Onu ha ribadito l’impegno a favore di una soluzione politica definitiva, che tuttavia non e’ stata ancora concordata tra le parti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»