Etiopia, Mattarella visita una scuola gestita da Save the children

Durante la visita allo Spazio a misura di bambino, Mattarella si è intrattenuto con i bambini impegnati nelle loro varie attività, dai giochi di gruppo al disegno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

mattarella_scuola_etiopia

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha visitato oggi un complesso per l’infanzia gestito da Save the Children a Tierkidi, all’interno del campo rifugiati di Gambella in Etiopia, al confine con il Sud Sudan, che accoglie circa 55.000 persone in fuga dalla guerra. Accompagnato dalle autorità etiopi, dagli ufficiali dell’Ambasciata Italiana e dai rappresentanti delle organizzazioni attive sul territorio, spiega una nota di Save the children, il Presidente Mattarella è stato accolto con canti e balli di benvenuto dai bambini del centro, che comprende una scuola primaria, uno spazio a misura di bambino e un centro educativo.

Durante la visita allo Spazio a misura di bambino, Mattarella si è intrattenuto con i bambini impegnati nelle loro varie attività, dai giochi di gruppo al disegno. “Attraversare il campo, vedere i bambini che salutavano con allegria le auto o quelli della scuola che danzavano e cantavano, trasmette la sensazione di quanta voglia di vita e di futuro vi sia qui dentro”, ha dichiarato il presidente della Repubblica. Il presidente ha ringraziato Save the Children e le altre organizzazioni attive sul territorio per il loro impegno nel fornire servizi essenziali e vitali alla popolazione rifugiata.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»