Panico a Londra. Gorilla in fuga allo zoo

Gorilla in fuga allo zoo di Londra. Protagonista un esemplare maschio di nome Kumbuka. A riportarlo sono i media britannici che hanno raccontato l’accaduto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

gorilla in fugaROMA – Una fuga durata quasi due ore allo zoo di Londra. Protagonista un gorilla maschio di nome Kumbuka. A riportarlo sono i media britannici che hanno raccontato l’accaduto.

Gorilla in fuga per quasi due ore

L’esemplare è riuscito da solo a oltrepassare la sua recinsione e ha vagato per l’intero zoo inseguito dalla sicurezza del complesso. L’allarme è stato lanciato alle 17 dai guardiani dello zoo per, poi, rientrare solo dopo le 18.30.

Sul posto anche gli uomini di Scotland Yard, intervenuti per placare il gorilla. L’animale è stato, alla fine, colpito con un proiettile tranquillante e riportato nel suo recinto. Tanta la paura tra i visitatori messi in sicurezza nella caffetteria dell’acquario dello zoo e in altri locali al chiuso.

Secondo alcuni testimoni, già prima della fuga, l’animale era sembrato agitato tant’è che era stato visto caricare, in mattinata, una parete di vetro che, però, non si è rotta.

Kumbuka è solo uno dei sette esemplari di gorilla che vivono nello zoo di Londra. L’animale è arrivato nella capitale britannica nei primi mesi del 2013 dallo zoo di Paignton, nel Devon. Poi ci sono Zaire, arrivato nel 1984 dopo essere nato al Jersey Zoo; Mjukuu e sua figlia Alika; la ‘teenager’ Effie e Gernot, l’ultima arrivata, nata nel novembre dello scorso anno da Effie e Kumbuka.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»