A Cracovia prima Gmg social, obiettivo un miliardo di contatti

Quando mancano meno di tre mesi, la pagina Gmg nel social più famoso al mondo, prodotta in 20 lingue, conta più di un milione e mezzo di seguaci
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

gmg cracovia 2016ROMA   – Dal seminario salesiano, poco fuori Cracovia, dove e’ in corso un incontro dedicato alla Gmg, promosso dal Consiglio delle Conferenze episcopali d’Europa (Ccee), cui partecipano circa 50 tra giornalisti e delegati di numerose conferenze episcopali del Vecchio continente, il portavoce dei vescovi polacchi, don Pawel Rytel Adrianik, ricorda come “mai prima d’ora si era vista una diffusione cosi’ globale delle reti sociali, piu’ di Madrid e di Rio de Janeiro, dove si sono tenute le ultime due Gmg. Grazie ai social, da Cracovia potremmo arrivare ad avvicinare un miliardo di persone“. I numeri lo confermano. Alla Gmg di Madrid nel 2011 i seguaci della pagina Fb della Giornata erano 400 mila, un milione per Rio de Janeiro nel 2013. A Cracovia, quando mancano meno di tre mesi, la pagina Gmg nel social più famoso al mondo, prodotta in 20 lingue, conta più di un milione e mezzo di seguaci. E non e’ finita, perché il canale You Tube della Gmg polacca ne vanta 3,2 milioni. Il videoclip della Gmg ha avuto fino ad oggi oltre tre milioni di visualizzazioni. I follower su Twitter sono 215 mila e crescono quelli su Instagram e altre reti. (Vedi www.agensir.it)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»