Aleppo, il dottor Hussein: “Le persone hanno paura di andare in ospedale”

La testimonianza del medico che gestisce un ospedale supportato da Medici senza frontiere ad Aleppo Est
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

siria2ROMA – “Fornivamo molti servizi in questo ospedale: chirurgia, pediatria, terapia intensiva, medicina interna. Ma i bombardamenti degli ultimi mesi ad Aleppo Est ci hanno obbligati a concentrarci sull’aumento dei feriti di guerra, che sono diventati quasi l’80% del nostro lavoro nelle ultime settimane“. La testimonianza del dr. Hussein, che gestisce un ospedale supportato da Medici senza frontiere ad Aleppo Est, dove lavora anche come pediatra, e’ pubblicata nel sito dell’organizzazione.

Il medico siriano,che e’ non e’ stato piu’ in grado di tornare in citta’, dopo essersi spostato per celebrare la festa di Eid Al Fitr, che segue la fine del ramadam, spera di poter raggiungere il prima possibile la struttura per continuare a fornire cure alla popolazione. Ma da luglio anche l’ultima strada che porta ad Aleppo Est e’ stata interrotta. “Prima dell’assedio, – racconta – gli ospedali ricevevano tra gli 8.000 e i 10.000 pazienti al mese; questo numero si e’ dimezzato dall’inizio di luglio. Non solo, gran parte dei pazienti ha subito ferite di guerra,con un aumento dei casi gravi urgenti pediatrici e internistici.Uno dei problemi principali che riscontriamo negli ospedali e’ quello del sovraffollamento delle terapie intensive.

Alcuni pazienti sono costretti a restare in sala operatoria perche’ non c’e’ posto nella terapia intensiva. Ventilatori e depuratori di ossigeno sono spessi rotti a causa di sovraccarichi. L’altro giorno due pazienti sono morti perche’ il depuratore di ossigeno non funzionava correttamente”. “L’ospedale e’ stato danneggiato tre volte da bombardamenti. – spiega – L’incidente piu’ grave e’ avvenuto a meta’ luglio e siamo stati costretti a chiudere l’ospedale per dieci giorni. La maggior parte dei reparti e’ rimasta coinvolta e abbiamo lavorato duramente per riparare cio’ che potevamo. Poi il 3 agosto, e ancora il 6, bombardamenti intorno all’ospedale hanno nuovamente danneggiato la struttura.

L’ospedale e’ attualmente funzionante, ma e’ in grado di curare solo i casi piu’ gravi e urgenti”. “Le persone hanno paura di andare negli ospedali. – dice il dr. Hussein – Li vedono come potenziali bersagli. Vengono da noi solo in caso di assolute emergenze. Gli staff medici ad Aleppo Est stanno soffrendo. Considerato il grande numero di pazienti, ogni dottore lavora il doppio. Vedono tantissime persone ferite ogni giorno. Hanno a che fare, come il resto della popolazione, con la scarsita’ di cibo, di carburante e di molti beni di prima necessita’.I pochi ospedali rimasti nella citta’ sono vitali per la sopravvivenza delle persone. Speriamo davvero che gli staff medici possano tornare in citta’ e che vengano permessi i rifornimenti di cibo e medicinali”.

(www.redattoresociale.it)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»