Teofilo III ringrazia il re di Giordania per il restauro della Tomba di Gesu’

[caption id="attachment_48675" align="alignleft" width="300"] Foto di Berthold Werner[/caption]
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Foto di Berthold Werner
Foto di Berthold Werner

ROMA – “Ringrazio di cuore la famiglia reale giordana per questa donazione. Voglio anche ricordare che questa famiglia ha dimostrato rispetto per il Santo Sepolcro gia’ dai tempi del Califfo Omar nel 600 d.C. dunque una grande tradizione”. Lo ha detto il Patriarca greco-ortodosso di Gerusalemme, Teofilo III, in un’intervista al Tg2000, il telegiornale di Tv2000, commentando la decisione del Re di Giordania Abdullah II di finanziare il restauro della Tomba di Gesu‘ nella Chiesa del Santo Sepolcro a Gerusalemme.

“La famiglia hashemita del Re di Giordania- ha aggiunto Teofilo III- e’ particolarmente sensibile e attenta a tutte le religioni in particolare verso i cristiani”. Per il Patriarca la dinastia giordana “e’ un esempio di convivenza e liberta’ tra il mondo musulmano, di cui sono diretti discendenti, e le altri fedi religiose“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»