Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Aimo: “Il ministero della Salute convochi gli oculisti per le scelte sulla professione”

occhio
"Soprattutto se ambito riguarda precise competenze"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Chiediamo al ministero della Salute di convocare i rappresentanti delle associazioni degli oculisti ogni qualvolta vengono prese decisioni inerenti alla professione del medico oculista e a quella di altri professionisti o figure che si occupano a vario titolo di tematiche correlate al mondo della visione, soprattutto se l’ambito di discussione riguarda le competenze delle varie professioni”. È l’appello lanciato dall’Associazione Italiana dei Medici Oculisti, nella persona della dottoressa Alessandra Balestrazzi, referente di AIMO per i rapporti con le istituzioni, in occasione del Terzo convegno interdisciplinare ‘Qualità della visione. Incontro-dibattito: la legalità degli atti professionali’, che si è concluso sabato scorso a Francavilla al Mare (Chieti).

IL CONVEGNO

Il convegno, presieduto dal dottor Michele Marullo, vicepresidente di AIMO e primario di Oculistica dell’ospedale Santo Spirito di Pescara, è stato l’occasione per ribadire l’importanza del contrasto all’abusivismo in ambito oculistico. “Si è trattato di un incontro-dibattito tra oculisti, ortottisti, ottici ed optometristi sulle problematiche di confine e sulla legalità degli atti professionali- ha spiegato Marullo- I presenti hanno sottolineato l’importanza dell’etica e del rispetto delle diverse professioni, che devono sempre vedere il medico oculista come il primo professionista a cui rivolgersi in caso di problemi oculari o se ci si vuole assicurare la salute dei propri occhi”.

Secondo il presidente di AIMO, Luca Menabuoni, è “solo l’oculista a stabilire con quale periodicità effettuare i controlli e ad indirizzare il paziente ad altri professionisti per il completamento del percorso diagnostico- ha sottolineato- nonché per l’utilizzo di occhiali e/o lenti a contatto, sarà sempre l’oculista a prescrivere eventuali terapie riabilitative o farmacologiche e, se necessario, interventi chirurgici”.

Nel corso dell’evento si è svolta anche una tavola rotonda moderata dal giornalista del Tg2 Maurizio Martinelli, durante la quale sono state trattate tematiche non strettamente cliniche ma di confronto tra professioni. Presenti, tra gli altri, il Procuratore della Repubblica, Mirvana Di Serio, il Colonnello Comandante provinciale dei Carabinieri di Chieti, Florimondo Forleo, e il presidente dell’Ordine dei Medici di Pescara, Maria Assunta Ceccagnoli.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»