hamburger menu

Riace, Mimmo Lucano assolto in appello

L'ex primo cittadino di Riace, in Calabria, era stato accusato di aver usato il sistema di accoglienza dei migranti per fini personali

Pubblicato:12-10-2023 10:49
Ultimo aggiornamento:13-10-2023 08:30
Canale: Calabria
Autore:
mimmo lucano
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – La Corte d’Appello ha assolto Mimmo Lucano: l’ex sindaco di Riace non ha strumentalizzato il sistema dell’accoglienza dei migranti in Calabria per ricavarne benefici, come invece era stato sostenuto nel primo grado del processo a suo carico.

LEGGI ANCHE: Riace, Mimmo Lucano: “Nessun patteggiamento. Condanna abnorme, ricorrerò in appello”

BOLDRINI: “FELICE PER LUCANO, ACCOGLIENZA A VANTAGGIO DI TUTTI”

“Felice per la sentenza d’Appello che assolve Mimmo Lucano dalle accuse più gravi. Il suo “Modello Riace” aveva acceso le speranza di un’accoglienza possibile e umana nei confronti di persone in fuga da guerre e persecuzioni. Un’accoglienza che andava anche a vantaggio della comunità locale colpita da un pesante spopolamento. Lucano ha dovuto subire una terribile gogna solo per avere dimostrato che la solidarietà è possibile e va a vantaggio di tutti. A lui il mio abbraccio”. Lo dichiara sui suoi canali social Laura Boldrini, deputata PD e Presidente del Comitato permanente sui diritti umani nel Mondo.

CALENDA A SALVINI: ASSOLUZIONE NON È ATTO GIUSTIZIA?

“Vorrei solo comprendere su quali basi quando assolvono te o la Lega è un atto di giustizia e quando assolvono un altro occorre indignarsi. Mai avuto nulla a che fare con Lucano, ma sono felice per la sua assoluzione. Credo che questo post definisca la tua cifra. Non esistono valori – garantismo ad esempio – a cui ispirarsi, ma solo occasioni di marketing politico”. Lo scrive su Twitter il leader di Azione Carlo Calenda, rispondendo a un post di Matteo Salvini pubblicato ai tempi della condanna in primo grado di Mimmo Lucano.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-10-13T08:30:39+01:00