Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Distanti ma carichi, ‘I Mortali’ Colapesce e Dimartino a Bologna “resuscitano” il live

Romantici senza miele, Colapesce e Dimartino cantano e raccontano i loro 'Mortali difetti' sul palco creando un'atmosfera intima, in connessione diretta con lo spettatore
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

colapesce concerto

colapesce concerto

colapesce concerto

colapesce concerto


Precedente
Successivo

BOLOGNA – Una serata tra ‘I mortali’ per sentirsi un po’ più vivi. Colapesce e Dimartino arrancano un po’, ma nel complesso funzionano bene, anzi benissimo, e per la seconda serata di “Tutto molto bello”, il festival bolognese che unisce musica e calcetto, presentano un live che in poco meno di due ore smorza il dispiacere dei concerti annullati a causa del coronavirus. 

Lorenzo Urcillo (Colapesce) e Antonio Di Martino (Dimartino) ieri sera sul palco dell’Arena Puccini al Dlf non sono stati perfetti, sono appunto ‘mortali’. “I mortali” è infatti il titolo del loro disco a quattro mani, uscito il 5 giugno. I due cantautori siciliani suonano tutte le dieci canzoni del loro ultimo lavoro in versione riarrangiata per un live inizialmente pensato per i teatri.

Sul palco con loro, che per tutto il concerto si tengono a grande distanza nelle loro postazioni tra chitarra e pianoforte, ci sono il polistrumentista KWSK Ningia e Gaetano Santoro al sax. Insieme danno vita a uno spettacolo esteticamente minimale (niente video-immagini-scritte di contorno) ma musicalmente ricco. E dopo un periodo nel quale le esibizioni sono state forzatamente limitate a dirette sui social e su zoom, di un live del genere si sentiva davvero bisogno.

I protagonisti, come cantano ne “Il primo semestre” vogliono essere “lasciati soli come cantautori” e scherzando sul palco su come ‘costruire’ una canzone (“strofa-ritornello-strofa. Parliamo anche del Covid o solo dell’amore?”) si scambiano anche la giacca, il look che insieme alle camicie è un po’ il loro segno distintivo. Tradizionali e retrò.

Oltre al nuovo album, il duo mette in scaletta anche alcune delle sue canzoni più famose, da “Satellite” a “Ti attraverso” di Colapesce, a “Non siamo alberi” e “I Calendari” di Dimartino. Piccole scivolate su “Luna Araba” e “Totale”- che si notano di più forse perché abituati a sentirle in radio- recuperate con gli altri brani, che nella nuova versione live sembrano ancora altre canzoni. Insomma, “che calore, ti regalerò un estintore per le paranoie”, come direbbero il duo.

I due cantautori siciliani chiudono il concerto con un omaggio al loro maestro, musicale e di stile, Franco Battiato. E se “l’animale che mi porto dentro non mi fa vivere felice mai, mi rende schiavo delle mie passioni”, ieri sera è stato tutto un po’ scanzonato e condito con “leggerezza e stupidità”, citando i versi de L’animale di Battiato. Romantici senza miele, Colapesce e Dimartino cantano e raccontano i loro ‘Mortali difetti’ sul palco creando un’atmosfera intima, in connessione diretta con lo spettatore. La chiave giusta per un concerto vincente nell’era post lockdown, ora che è vietato ballare, abbracciarsi e baciarsi. In fondo, sono proprio loro a cantare “è un istinto primordiale cercare di stare bene”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»