Your monthly usage limit has been reached. Please upgrade your Subscription Plan.

Italia
°C

Puglia, quattro anni fa lo scontro tra treni. Decaro: “Ricordiamo le vittime di quella tragedia”

Furono 23 le vittime del disastro ferroviario avvenuto sul binario unico tra Andria e Corato dove due treni della Ferrotramviaria di scontrarono, facendo anche 51 feriti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Le note del silenzio militare hanno risuonato in piazza Moro a Bari, area antistante la stazione per ricordare le 23 vittime del disastro ferroviario avvenuto sul binario unico tra Andria e Corato dove due treni della Ferrotramviaria di scontrarono, facendo anche 51 feriti. Alle 11.04 orario dell’incidente, il sindaco di Bari Antonio Decaro, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano con una rappresentanza dei parenti delle vittime hanno deposto una corona di fiori.

“Ricordiamo oggi le vittime di questa tragedia che ha ferito la nostra comunita’- scrive sui social il primo cittadino di Bari- Quel 12 luglio 2016 e’ stata una delle giornate piu’ difficili della nostra storia. Nessuno di noi potra’ mai dimenticare le lacrime, gli sguardi stravolti, le lamiere contorte, il caldo infernale”.

Oggi siamo qui per ricordare le vittime di questa tragedia, per testimoniare l’abbraccio virtuale della nostra terra alle loro famiglie e per costruire una comunita’ sempre piu’ coesa”, ha concluso Decaro.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»