Autostrade, ultimatum del M5s: “Fuori i Benetton o revoca, lo Stato non tratta”

"Ma che altro deve accadere se non bastano 43 morti per revocare le concessioni a chi invece di fare manutenzioni taroccava i report?"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Lo Stato non tratta. Rimango immobile nella mia posizione, fuori i Benetton o revoca! Per le famiglie delle vittime del crollo del Ponte di Genova e per gli italiani che tutti i giorni percorrono quelle autostrade, lo Stato italiano deve fare giustizia, questo e’ il minimo. Ma che altro deve accadere se non bastano 43 morti per revocare le concessioni a chi invece di fare manutenzioni taroccava i report arricchendosi per anni? L’ultimatum del Governo non e’ trattabile, o fuori i Benetton o revoca subito. Non pensassero di averci portato allo sfinimento per stare ai loro compromessi”. Lo scrive su facebook Giancarlo Cancelleri, viceministro alle Infrastrutture e trasporti.

LEZZI: SARÀ DOVEROSO RENDERE NOTO VOTO DI OGNI MINISTRO IN CDM

Il Presidente Conte “ha fissato per il prossimo martedi’ la decisione finale da assumere, com’e’ corretto che sia, in Consiglio dei ministri. Il Movimento ha 10 ministri, il Partito Democratico 7, Italia Viva 2, LEU 1 e in piu’ ci sono la Ministra Lamorgese e il ministro Manfredi come tecnici. La nostra posizione e’ chiara e anche LEU invoca la nazionalizzazione. Resta la decisione del PD che chiede discontinuita’ con il governo giallo-verde. Quale migliore occasione per segnare la differenza?”. Lo scrive su facebook la senatrice M5s Barbara Lezzi.

Ora, aggiunge, “si deve uscire dalle dichiarazioni, interviste e post per misurarsi con la realta’ e con il rispetto per le 43 vittime e per la sicurezza degli italiani. Sara’ doveroso rendere noto il voto di ciascun ministro”.

Nel post Lezzi aggiunge: “È stato molto chiaro il Presidente Conte l’altro giorno quando ha parlato di Autostrade per l’Italia: ‘O arriva una proposta irrinunciabile da Aspi nelle prossime ore oppure il governo procedera’ con la revoca della concessione sulla rete autostradale’. La proposta e’ arrivata e prevede una diminuzione della partecipazione dei Benetton nella societa’ e qualche promessa su investimenti e calo dei pedaggi. È una proposta alla quale il governo deve rinunciare per i motivi arcinoti che hanno causato il crollo del Ponte Morandi e la morte di 43 persone ma anche per comportamenti successivi alla strage. Basta questo per non avere alcun dubbio sull’inaffidabilita’ di questi soggetti che, malgrado la morte di 43 persone, hanno continuato a pensare esclusivamente al proprio interesse. Lo facessero pure ma non con i beni pagati da tutti gli italiani. Quindi, fuori”.

E ancora: “I timori su eventuali difficolta’ nella gestione della rete autostradale con l’uscita dei Benetton, sono fugati dalle parole del Presidente Conte che, con convinzione, ha parlato di revoca entro poche ore. E la De Micheli non puo’ smentirlo perche’ ammetterebbe che in quasi un anno ha lavorato solo per i Benetton anziche’ pensare all’interesse dei cittadini.

Penali miliardarie? È tutto da vedere ma intanto, non verranno distribuiti utili miliardari a chi ne ha intascati fin troppi senza fare le manutenzioni. Miliardi intascati sulla pelle delle persone che, invece, devono diventare investimenti in sicurezza e ammodernamento della rete”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»