Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rifiuti, blitz di Raggi a Rocca Cencia: “Impianto folle”

ROMA  - "Questo impianto è folle: è tutto bloccato,
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

raggi_blitz_rocca_cencia_ROMA  – “Questo impianto è folle: è tutto bloccato, è diventato una discarica, non riesce a smaltire i rifiuti e gli operatori ci hanno fatto vedere che è mal tenuto. Dovremo agire presto”. Lo ha detto il sindaco di Roma, Virginia Raggi, che ha effettuato un sopralluogo all’impianto Tmb di Rocca Cencia.

“La soluzione di Ama è quello di incenerire i rifiuti ma non è questa la strada- ha aggiunto Raggi- Ci sono ditte che possono prenderli e trattarli“.

MURARO: MULTIMATERIALE ROCCA CENCIA SOTTO-UTILIZZATO

“L’impianto multimateriale di Rocca Cencia tratta 4 tonnellate l’ora per meno di 30 al giorno. Va assolutamente implementato. Potrebbe fare più turni di lavoro. Oggi ne fa uno scarso per problemi di manodopera”. Così l’assessore capitolino all’Ambiente e ai Rifiuti, Paola Muraro, al termine della visita dello stabilimento di Rocca Cenci dove questa mattina si è recata anche il sindaco Virginia Raggi.

“L’impianto di Rocca Cencia non è fermo ma lavora sotto le sue potenzialità. Di sicuro quando è stato comunicato al responsabile dell’impianto che era necessaria la manutenzione questa non si è fatta. Quindi si è arrivati a dover bloccare l’impianto per alcune ore durante la giornata”, ha aggiunto l’assessore.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»