Esercito: “Ventuno anni di missione ‘Kfor’ in Kosovo, deterrenza decisiva”

Il 12 giugno 1999 le prime forze della NATO entravano in Kosovo su mandato Onu al termine della campagna aerea dell’Alleanza che aveva messo fine al sanguinoso conflitto interetnico tra kosovari e serbi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il 12 giugno 1999 le prime forze della NATO entravano in Kosovo su mandato Onu al termine della campagna aerea dell’Alleanza che aveva messo fine al sanguinoso conflitto interetnico tra kosovari e serbi. Per aver contribuito ininterrottamente per 21 anni alla sicurezza e alla liberta’ di movimento di tutti i cittadini del Kosovo, nel rispetto della risoluzione 1244 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, la missione Kfor ha rappresentato e rappresenta un fondamentale fattore di stabilita’. Lo scrive in una nota l’Esercito.

Forte di oltre 50.000 soldati nel 1999, attualmente il contingente multinazionale conta circa 3.500 militari forniti da 27 nazioni ed e’ comandato per il settimo anno consecutivo dall’Italia, con il Generale di Divisione dell’Esercito Michele Risi. Le truppe di Kfor svolgono un fondamentale ruolo deterrente, mantenendo una presenza diffusa su tutto il territorio con le pattuglie e con appositi team di collegamento e monitoraggio che misurano il polso della situazione anche dal punto di vista sociale ed economico. Al Comando Regionale Ovest a guida italiana, basato sul 17esimo reggimento artiglieria contraerei ‘Sforzesca’, e’ poi assegnato il compito esclusivo di proteggere il monastero serbo-ortodosso di Visoki-Decani, unico sito di interesse culturale e religioso sorvegliato da KFOR. Tra gli sforzi principali di KFOR figura anche quello di consolidare la stabilita’, sostenendo lo sviluppo di strutture di sicurezza professionali, democratiche e multi-etniche.

Stabilita’ e sicurezza sono funzionali alla ripresa del dialogo tra Belgrado e Pristina promosso dall’Unione Europea e sostenuto dalla Nato, processo che rappresenta l’unica via per raggiungere una soluzione durevole di cui beneficeranno l’intera regione dei Balcani Occidentali e tutta l’Europa”, ha dichiarato il Generale Risi in occasione dell’anniversario. Le truppe di Kfor svolgono un ruolo di deterrenza, mantenendo una presenza diffusa su tutto il territorio con le pattuglie e con appositi team di collegamento e monitoraggio che misurano il polso della situazione anche dal punto di vista sociale ed economico. Le Forze Armate Italiane esprimono con circa 600 uomini e donne il secondo contingente piu’ numeroso dopo quello statunitense. Da un punto di vista nazionale, oltre ad aver assunto la leadership della piu’ longeva delle operazioni della NATO, l’Esercito Italiano detiene dal 1999 il comando della regione occidentale del Kosovo, fornisce un contributo importante con i Carabinieri della Multinational Specialized Unit, presenti anche loro dall’inizio di KFOR, e guida il battaglione che raccoglie informazioni e sorveglia l’area di operazioni. Nel corso dell’emergenza Covid19 che ha interessato anche il Kosovo, Kfor ha proseguito le proprie attivita’ sul campo con regolarita’ attraverso l’adozione di misure preventive a tutela della salute dei cittadini del Kosovo e dei militari della missione, secondo le predisposizioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanita’. Kfor ha poi fatto la sua parte nell’ambito della risposta globale della Nato alla pandemia, distribuendo un notevole quantitativo di dispositivi di protezione individuale alle istituzioni sanitarie del Kosovo e facilitando iniziative avviate da Paesi che fanno parte di Kfor come Stati Uniti, Polonia, Turchia, Austria e Italia. In particolare, l’Esercito Italiano ha inviato un team del settimo reggimento difesa Cbrn (Chimica-Biologica-Radiologica-Nucleare) che ha sanificato decine di strutture pubbliche in Kosovo. Un intervento speciale che si e’ svolto in parallelo ad importanti progetti in campo sanitario dell’Ambasciata d’Italia a Pristina, che ha donato al ministero della Salute kosovaro presidi sanitari e un intero laboratorio di virologia.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»