Tg Lazio, edizione del 12 marzo 2021

Il Movimento 5 Stelle entra nella Giunta e nella maggioranza di centrosinistra della Regione Lazio tra le notizie dell'edizione del Tg Lazio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

LAZIO VERSO ZONA ROSSA, D’AMATO: INDICE RT A 1,31

Verso la zona rossa. Nel Lazio l’indice di trasmissione del Covid si attesta a 1,31 e questo dovrebbe determinare un doppio cambio di fascia per la Regione. L’assessore alla Sanità, Alessio D’Amato, ha spiegato che “è molto probabile che il Lazio diventi zona rossa perché abbiamo un Rt superiore a 1,25“. Anche se la pressione sugli ospedali del territorio non ha raggiunto soglie allarmanti e il tasso di incidenza è lontano dai 250 casi per 100mila abitanti, saranno necessarie ulteriori restrizioni.

NEL LAZIO FINITE SCORTE VACCINO “INCRIMINATO” ASTRAZENECA

Sarebbero già terminate nei giorni scorsi le scorte del lotto incriminato del vaccino AstraZeneca. L’Agenzia italiana del farmaco ne aveva vietato l’utilizzo in via precauzionale in seguito alla segnalazione di alcuni gravi eventi avversi. Sono stati avviati i controlli per capire “se c’è e dove sta questo lotto. Non ci risulta al momento alcuna reazione avversa”, spiegano dalla Regione Lazio dove si resta in attesa dei risultati delle verifiche messe in atto.

M5S ENTRANO IN GIUNTA LAZIO, ZINGARETTI: MA RESTANO DIFFERENZE

Il Movimento 5 Stelle entra nella Giunta e nella maggioranza di centrosinistra della Regione Lazio. La nuova squadra di governo, con Roberta Lombardi assessora alla Transizione Ecologica e Valentina Corrado al Turismo, è stata presentata oggi dal governatore Nicola Zingaretti. “Non si annullano le differenze di identità ma la novità è che si combatte uniti per il bene comune”, ha detto Zingaretti che ha poi aggiunto: “L’esito di questa scelta è una politica più credibile e un Lazio più forte”.

ROMA, FORO DI CESARE SI ALLARGA: AL VIA LE OPERAZIONI DI SCAVO

Riportare alla luce la parte orientale del Foro di Cesare, il primo dei Fori Imperiali di Roma. È l’obiettivo delle operazioni di scavo che hanno preso il via nella parte compresa tra via dei Fori Imperiali e l’attuale belvedere sul Foro di Cesare. Si tratta della seconda fase dei lavori previsti dagli accordi stipulati nel 2027 tra la Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e l’Accademia di Danimarca. Sotto terra gli archeologi puntano a ritrovare parti del Tempio di Venere Genitrice e del portico orientale della piazza.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»