hamburger menu

Strage Altavilla Milicia, la preside della scuola di Kevin: “I ragazzi piangono in classe”

Il liceo artistico 'Renato Guttuso' di Bagheria è frequentato anche dalla sorella del ragazzo, unica della famiglia ad essere sfuggita alla furia omicida del padre e dei suoi complici

Pubblicato:12-02-2024 12:45
Ultimo aggiornamento:12-02-2024 12:45
Canale: Scuola e Università
Autore:
liceo guttuso bagheria
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

PALERMO – Un mazzo di fiori sul banco di Kevin, il ragazzo di 16 anni ucciso dal padre, Giovanni Barreca, insieme con la madre e il fratellino più piccolo, ad Altavilla Milicia, nel Palermitano. A portarlo questa mattina sono stati i compagni di classe del liceo artistico ‘Renato Guttuso’ di Bagheria, l’istituto frequentato dal ragazzo e dalla sorella 17enne, unica sfuggita al massacro.

LEGGI ANCHE: Altavilla Milicia, la criminologa Bruzzone: “In Italia allarme salute mentale”

LA PRESIDE: “KEVIN ERA UN BRAVO STUDENTE”

I ragazzi sono in classe che piangono e non vogliono essere disturbati. Mi hanno chiesto di non partecipare ad alcuna iniziativa di Carnevale. Si sono uniti tutti nel tragico lutto che ci ha colpiti”. A parlare è Maria Rita Chisesi, dirigente scolastica del liceo artistico ‘Renato Guttuso’ di Bagheria.

Kevin era un ragazzo bravo, specialmente nelle materie di indirizzo – racconta Chisesi -, molto costante nello studio e attivo anche in occasione degli Open Day organizzati per mostrare il lavoro che facciamo in questa scuola”.

Lo stesso istituto è frequentato anche dalla sorella del ragazzo, sfuggita al massacro: “Anche lei è molto brava e segue regolarmente le lezioni. Ai miei ragazzi dico che dobbiamo aiutarla“.

Fratello e sorella “frequentavano regolarmente” l’istituto, racconta ancora la dirigente scolastica: “L’ultimo consiglio di classe è stato fatto la scorsa settimana – ha concluso -, non si è parlato di alcun disagio da parte del ragazzo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2024-02-12T12:45:46+01:00