La notte porta litigi: nuovo scontro De Luca-de Magistris. E il governatore minaccia querela

Ad accendere nuovamente la miccia è stato il primo cittadino partenopeo nel corso della trasmissione Cartabianca, andata in onda ieri sera su Rai3
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

di Marco Santangelo

NAPOLI – La notte porta consiglio, ma anche accuse e minacce di querela. È il riepilogo di una polemica scoppiata tra il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, e il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. Ieri in prima serata, dagli studi della trasmissione televisiva Cartabianca su Rai3, il primo cittadino partenopeo accende la miccia: “Più che colore giallo temo che ci sia un giallo Campania. La situazione negli ospedali è drammatica. Riguardo le altre patologie, la gente non si cura più se non per casi gravissimi. Ci sono file per avere l’ossigeno, ambulanze con un’ora di ritardo per incidenti stradali e non parliamo dell’assistenza da casa”. De Magistris fa il quadro di una situazione napoletana e campana che somiglia a un bollettino di guerra. Al centro delle accuse, tratteggiato nelle vesti di antagonista, è l‘ex sceriffo di Salerno che a stretto giro replica direttamente dal proprio profilo Facebook: “Continua la campagna di aggressione mediatica contro la Campania. C’è da rimanere esterrefatti di fronte alle parole e alle tesi campate in aria ascoltate da vari interlocutori nella trasmissione del servizio pubblico Cartabianca”. Intanto in diretta tv l’ex pm non ha riserve e annuncia l’arrivo di “azioni clamorose” nei prossimi giorni per attirare l’attenzione del governo sulla condizione campana. Poi attacca di nuovo De Luca: “Abbiamo fatto un Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica l’altro giorno e il governatore contestava che il Comitato si potesse occupare della mancanza dell’ossigeno nelle farmacie e dei 118 che non arrivano“. De Luca non ci sta, segue in diretta la pioggia di critiche che cadono sul suo nome e valuta il contraccolpo: “Di fronte a queste falsità non resta che la querela per diffamazione”.

LEGGI ANCHE: 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

11 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»