VIDEO | Processo d’appello trattativa Stato-mafia, Berlusconi si avvale della facoltà di non rispondere

Il processo, in cui l 'ex presidente del Consiglio è stato citato come teste dalla difesa dell'ex senatore Marcello Dell'Utri, è stato rinviato al 25 novembre
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – L’ex premier Silvio Berlusconi, ascoltato come teste assistito al processo d’appello per la trattativa Stato-mafia, in corso a Palermo, si è avvalso della facoltà di non rispondere

Il processo è stato rinviato al 25 novembre.

Berlusconi, accompagnato dagli avvocati Nicolò Ghedini e Franco Coppi, era stato citato dalla difesa dell’ex senatore Marcello Dell’Utri, e ha chiesto di non essere ripreso da fotografi e telecamere prima di entrare in aula.

Dopo la citazione i legali dell’ex presidente del Consiglio avevano chiesto di conoscere la veste giuridica nella quale si sarebbe dovuto presentare: Berlusconi è risultato indagato dalla procura di Firenze per le stragi di mafia del 1993, circostanza che gli ha quindi permesso di avvalersi della facoltà di non rispondere durante il processo.

Il leader di Forza Italia ha subito lasciato l’aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»