Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Agguato all’Università in Kenya, almeno due morti a Mombasa: spari contro il pullman degli studenti

Le vittime sarebbero due impiegate dell'ateneo, la Technical University
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Almeno due morti e diversi feriti in un’imboscata che ha preso di mira oggi un pullman di studenti diretti al campus dell’università di Mombasa, il principale porto del Kenya: a riferirlo l’edizione online del ‘Daily Nation’, uno dei principali quotidiani del Paese. Stando a questa ricostruzione, a perdere la vita sono state due impiegate dell’ateneo, la Technical University. Secondo testimoni e responsabili di polizia, l’imboscata è stata condotta da una decina di uomini armati.

UN PRECEDENTE AGGUATO NEL 2015 CAUSO’ 148 VITTIME

Il luogo dell’agguato nella foto pubblicata dal Daily Nation

L’agguato è avvenuto nella contea di Kwale. Gli studenti stavano raggiungendo il campus dai loro ostelli. Nel riferire dell’episodio, la stampa di Nairobi ricorda il precedente del 2015, quando l’irruzione di un commando del gruppo islamista Al Shaabab nell’università della città di Garissa si era concluso con un bilancio di 148 studenti uccisi. Il Kenya sta vivendo una fase di tensione anche per l’annullamento, a causa di irregolarità, della rielezione del presidente Uhuru Kenyatta.

di Vincenzo Giardina, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»