Conte: “Voterò a favore del taglio dei parlamentari, escludo un mio partito”

A cena con Crimi o Zingaretti? "Tutti e due, così si potrebbe parlare anche di elezioni regionali"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “E’ una domanda privata, perche’ non vorrei influenzare ma al referendum votero’ a favore del taglio dei parlamentari“. Cosi’ il presidente del Consiglio Giuseppe Conte a Ceglie Messapica in Puglia, ospite della kermesse ‘La Piazza’.

“Una volta- aggiunge Conte- dissi che non mi vedevo totalmente disinteressato alla politica e si e’ voluto fraintendere. Si e’ detto ‘Conte vuole fare un partito’. Lo escludo, non voglio fare un partito. Il ruolo che io ho e’ di grande responsabilita’. Cerco il dialogo con tutte le forze politiche per orientare questo confronto e mettere da parte qualche bandierina per l’interesse generale”.

“Il programma che vogliamo realizzare- prosegue- non puo’ essere liquidato in pochi mesi. Senz’altro l‘orizzonte e’ quello di fine legislatura, e’ quello naturale per realizzare un piano di governo”.

“Meglio una cena con Crimi o Zingaretti? Li porterei tutti e due, cosi’ si potrebbe parlare anche di elezioni regionali. Meloni o Salvini? Con Salvini c’e’ qualche difficolta’ di comunicazione, confido di poter dialogare meglio con la Meloni”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

10 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»