Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Licata, Legambiente: “Solidarietà al sindaco anti-abusivismo sfiduciato dal consiglio”

ROMA - Legambiente esprime la sua solidarietà al sindaco
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Legambiente esprime la sua solidarietà al sindaco anti-abusivi di Licata (Ag) Angelo Cambiano, sfiduciato ieri sera dal consiglio comunale.

“Una decisione che ci lascia sgomenti. In questi anni il sindaco Cambiano, oltre a subire un grave isolamento, è stato anche minacciato più volte proprio per il suo impegno contro l’abusivismo edilizio e oggi vive sotto scorta. Se davvero si vuole stare dalla parte della legalità e contrastare il cemento selvaggio, la politica si assuma le proprie responsabilità a livello locale, regionale e nazionale. Atti di sfiducia come quello che è avvenuto nel consiglio comunale di Licata non aiutano né la città sicula ne l’intero Paese, segnato dal fenomeno del cemento illegale che non conosce tregua. In risposta a quanto accaduto al sindaco Cambiano, grazie al quale a Licata, dopo anni, si stanno effettuando le prime demolizioni degli immobili abusivi, proponiamo al Presidente nazionale dell’Anci Antonio Decaro di nominare Angelo Cambiano responsabile lotta all’abusivismo edilizio dell’associazione dei comuni italiani”, spiega Stefano Ciafani, direttore generale di Legambiente da Grosseto dove è in corso Festambiente, il Festival nazionale dell’associazione ambientalista in programma fino al 15 agosto.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»