Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

‘Verità per Giulio Regeni’: cartelli M5S in Aula al Parlamento europeo

"Vogliamo giustizia per Giulio e diritti per il popolo egiziano. Soltanto un'indagine indipendente internazionale può ristabilire la verità"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

sit in regeni_

STRASBURGO – Nel corso del dibattito che si è tenuto al Parlamento europeo sul caso di Giulio Regeni, scomparso in Egitto il 25 febbraio e trovato morto dopo essere stato torturato, gli eurodeputati del Movimento 5 Stelle hanno esposto in aula alcuni cartelli con la scritta ‘Verità per Giulio Regeni’.

“Pretendiamo che si faccia piena luce sull’omicidio barbaro e atroce di Giulio Regeni. I tentativi di depistaggio a poche ore dal ritrovamento del cadavere e le ambiguità finora emerse nelle indagini gettano ombre inquietanti sulla condotta delle autorità egiziane, che potrebbero far pensare a una lotta di potere interna tra diversi apparati”, dichiarano gli eurodeputati del M5S.

“Ugualmente ci aspettiamo una collaborazione totale e sincera da parte degli altri Stati europei, in modo da fugare ogni sospetto di eventuali pressioni e coinvolgimenti esterni. Il Governo egiziano deve comprendere che né l’importanza geopolitica del paese né i problemi di sicurezza possono giustificare le gravi violazioni dei diritti umani che vengono da più parti documentate. Purtroppo le voci che si levano per censurarle restano inascoltate, anche per l’atteggiamento dei governi europei, tra cui quello Renzi, che come al solito si distingue per il proprio servilismo acritico”, aggiunge Fabio Massimo Castaldo, eurodeputato del M5S e titolare della Commissione Affari Esteri.

Vogliamo giustizia per Giulio e diritti per il popolo egiziano. Soltanto un’indagine indipendente internazionale può ristabilire la verità“, conclude l’eurodeputato Ignazio Corrao.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»