Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Nuovo ricorso al Tar contro la decisione di De Luca di chiudere le scuole in Campania

scuola si(cura)_proteste napoli
Ieri sera era arrivato anche quello firmato dalla sede di Napoli dell'Avvocatura Distrettuale dello Stato, depositato per conto della presidenza del Consiglio dei ministri e dei ministeri dell'Istruzione e della Salute
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Ancora un ricorso al Tar contro la decisione del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, circa la “sospensione delle attività in presenza dei servizi educativi per l’infanzia e dell’attività scolastica e didattica in presenza della scuola dell’infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado” fino al 29 gennaio. A firmarlo è l’associazione scuole aperte Campania che si chiede dove sia finito “il diritto di questi ragazzi ad istruirsi in un contesto fatto di socialità ed inclusione? È innegabilmente prigioniero della follia sanitaria che stiamo vivendo, che insegue continuamente l’irraggiungibile contagio 0″.

L’associazione – spiega una nota – ha presentato oggi il ricorso contro l’ordinanza della Regione Campania numero 1 del 8/1/2022 “portando a supporto i dati che smaschereranno tutte le bugie su cui si fonda la comunicazione terroristica messa in atto dagli amministratori regionali, dai presidi e da un’ampia parte di docenti e cittadini spauriti dalla mancanza di conoscenza adeguata della situazione”. Ieri sera, poco prima della mezzanotte, era arrivato anche il secondo ricorso – dopo il primo presentato da alcuni genitori – firmato dalla sede di Napoli dell’Avvocatura Distrettuale dello Stato, depositato per conto della presidenza del Consiglio dei ministri e dei ministeri dell’Istruzione e della Salute.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»