Sea Watch, accordo Conte-Salvini: Italia accoglierà 10 migranti

ROMA - Accordo raggiunto sulla questione Sea-Watch dopo il vertice di ieri sera a Palazzo Chigi. Il premier Giuseppe Conte e i
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Accordo raggiunto sulla questione Sea-Watch dopo il vertice di ieri sera a Palazzo Chigi. Il premier Giuseppe Conte e i vice Matteo Salvini e Luigi Di Maio hanno discusso fino a notte fonda dopo che ieri il premier maltese Joseph Muscat ha autorizzatolo sbarco delle 49 persone a bordo delle due imbarcazioni di Sea Watch e Sea Eye.

Salvini si era opposto fermamente alla ricollocazione in otto paesi dell’Unione europea, tra cui l’Italia, dei migranti. Ora però nel governo giallo-verde sembra essere tornato il sereno con il via libera del ministro dell’Interno all’accordo firmato ieri da Conte con l’Unione Europea: l’Italia accoglierà 10 migranti (si tratta di bambini e dei loro genitori) che saranno affidati alla Chiesa Valdese”senza oneri per lo Stato”.

SALVINI: CONTENTO, SE UE NON ACCOGLIE BASTA ARRIVI

“Sono contento della soluzione trovata” dice Matteo Salvini a Rtl 102.5 a proposito dell’arrivo di 10 migranti in Italia.  Il vertice notturno, spiega Matteo Salvini e’ consistito “nel bersi un caffe’ all’una di notte. La soluzione è stata trovata, l’Europa dovrà farsi carico delle promesse fatte in passato all’Italia e finora mai mantenute. Se manterranno gli impegni presi sui 200 migranti che avevano promesso di ricollocare, allora potranno esserci nuovi arrivi. Altrimenti buonanotte”.”Non lascio niente a meta’, non faccio saltare nessun governo, voglio continuare a lavorare come fatto in questi mesi”, conclude Salvini.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»