Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Riforma della giustizia, Veltri (D.i.Re): “Bene eliminazione delle maggiori criticità dal Ddl 2435”

giustizia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Siamo molto soddisfatte che alcune delle criticità del Ddl 2435 segnalate da D.i.Re siano state accolte e dal testo approvato ieri dal Consiglio dei ministri siano stati eliminati due dei paragrafi più dannosi per le donne che hanno subito violenza”. Così Antonella Veltri, presidente di D.i.Re che aggiunge: “a dimostrazione di quanto prezioso sia, per tutte le donne, l’instancabile lavoro di vigilanza sui processi legislativi fatto dalle avvocate dei centri antiviolenza”. In particolare “è stato eliminato il paragrafo dell’articolo 8 che avrebbe consentito l’estinzione del reato di violenza sessuale a fronte di un risarcimento”, spiega Elena Biaggioni, avvocata penalista e referente del Gruppo avvocate di D.i.Re. “Anche la modifica introdotta nell’articolo 9 ci rassicura, perché fissando l’accesso alla messa alla prova solo per reati che hanno il limite massimo della pena detentiva in 6 anni, esclude che si possano sospendere i procedimenti per reati quali i maltrattamenti e lo stalking, la cui pena edittale massima è rispettivamente 7 anni e 6 anni e mezzo”, aggiunge l’avvocata Elena Biaggioni. 

“Continueremo a monitorare l’iter del Ddl 2435 in Parlamento, guardando con particolare attenzione allo sviluppo della giustizia ripartiva che presenta molte criticità per quanto riguarda la prevenzione e il contrasto della violenza maschile contro le donne, perché il rischio che si traduca in mediazione è altissimo, e con esso il rischio di vittimizzazione secondaria”, afferma Elena Biaggioni. Conclude Veltri, presidente di D.i.Re.: “Un processo in tempi ragionevoli per le donne che hanno subito violenza è prioritario, ma lo è altrettanto ottenere sentenze giuste”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»